Corriere dello Sport

Sei Nazioni

Vedi Tutte
Sei Nazioni

Sei Nazioni, Italia travolta. 20-61 contro il Galles

© LaPresse

Azzurri umiliati all'Olimpico nell'ultima sfida del torneo 

 Francesco Volpe

sabato 21 marzo 2015 16:03

ROMA - Umiliati. Una vergogna come non ricordavamo da tempo. Avevamo ancora i capelli corvini quando il Galles distrusse l'Italia di Georges Coste, la grande Italia di Georges Coste al "Monigo" di Treviso: 60-21. Era la sconfitta che segnò la fine di un ciclo, anche se ci vollero altri tre mesi e la disastrosa tournée in Sudafrica per rendersene conto. Parliamo del 1999, era pre-Sei Nazioni. Provavamo le stesse sensazioni oggi all'Olimpico, mentre il Galles distruggeva i resti dell'Italia, implosa, come sempre, per dieci minuti di follia. Il parziale del secondo tempo recita: 40-7, 7 mete a 1, per il Galles. Un refrain già visto. Contro l'Irlanda (0-17), a Twickenham (12-32) e contro la Francia (0-20).

Alla prima difficoltà, l'Italia di Brunel si sfarina, sbaglia a ripetizione, esce dal campo. Qualcosa di inaccettabile in uno sport d'orgoglio e di carattere quale il rugby. Certo, l'arbitro Pollock è stato impietoso (due gialli a Masi e Geldenhuys, molto generosi per i gallesi), tanti, troppi falli fischiati a senso unico. Ma gli alibi si fermano qui. La bella Nazionale dei primi 40', capace di andare oltre l'infortunio allo sfortunatissimo Haimona, non può trasformarsi nell'incubo visto dopo l'intervallo. C'è qualcosa che va oltre i limiti tecnici e investe la sfera delle motivazioni, della preparazione delle partite, della gestione fisica e tecnica di un torneo duro come il Sei Nazioni. E intanto la Georgia ha vinto a Bucarest (15-6) nel torneo B: lunedì l'Italia scivolerà al 15° posto mondiale. Terzo mondo. Inaccettabile.

ITALIA - GALLES 20-61

ITALIA:
McLean; L. Sarto, Morisi (34' st E. Bacchin), Masi, Venditti; Haimona (5' pt Orquera), Gori (34' st Palazzani); Vunisa (30' st R. Barbieri), Mau. Bergamasco, Minto; Furno, Biagi (11' st Geldenhuys); Castrogiovanni (11' st Chistolini), Ghiraldini (11' st Manici), Rizzo (11' st Alb. De Marchi). All. Brunel.

GALLES: Halfpenny (34' pt Sc. Williams); North, J. Davies, Roberts, Li. Williams (30' st Priestland); Biggar, Webb (31' st G. Davies); Faletau, Warburton, Lydiate (16' st Tipuric); A.W. Jones, Charteris (33' st Ball); Jarvis (33' st Andrews), Baldwin (16' st Owens), R. Evans (13' st Gill). All. Gatland.
Arbitro: Pollock (Nuova Zelanda) Marcatori: 1' cp Haimona, 8' cp Halfpenny, 11' cp Orquera, 13' cp Halfpenny, 19' m. Roberts, 26' m. Venditti tr. Orquera, 42' cp Biggar; st: 8' m. Li. Williams tr. Biggar, 10', 15' e 20' m. North tr. Biggar, 27' m. Webb, 29' m. Warburton tr. Biggar, 33' m. Sc. Williams tr. Biggar, 40' m. L. Sarto tr. Orquera. Note: espulsioni temporanee di Masi (13'-23' st) e Geldenhuys (25'-35' st). Touche: Italia 5 (5/8, una punita), Galles 15 (13/13, due rubate). Mischie: Italia 6 (6/6), Galles 5 (5/5). Calci: Haimona 1/1 (cp 1/1), Orquera 3/3 (cp 1/1, tr 2/2), Halfpenny 2/3 (cp 2/2, tr 0/1), Biggar 7/8 (cp 1/1, tr 6/7). Infortuni ad Haimona e Halfpenny. Spettatori 65.827.


Per Approfondire