Running

Semplicemente Running
0

Da 110kg a campionissimo, le storie dell'argentino Maldonado e dell'italiano Doniselli

L'argentino Bernardo Maldonado , ex obeso, si rivela un talento della corsa su strada. 

Da 110kg a campionissimo, le storie dell'argentino Maldonado e dell'italiano Doniselli

A fine ottobre 2019, alla mezza maratona di Valencia, il 25enne argentino Bernardo Maldonado ha concluso la gara in 1h03’01”, una prestazione eccezionale che lo colloca al quarto posto all time in Argentina.

Maldonado ora è un simbolo dello sport sudamericano e mondiale, la sua storia è di quelle da raccontare. Nel corso della sua vita ha riscontrato diverse difficoltà, di tipo economico e sentimentale per dirne alcune, prima di approdare a questo risultato sportivo di livello eccezionale. Un ruolo chiave delle sue difficoltà è l’aver abbandonato il gioco del rugby per diversi motivi, e così, il giorno del suo compleanno di qualche anno fa si è ritrovato in coma alcolico e con un peso di oltre 110 chili.

Da 110kg a campionissimo, le storie dell'argentino Maldonado e dell'italiano Doniselli

A quel punto è scattata in lui una molla che lo ha portato ad iniziare ad allenarsi in bici con conseguente perdita di peso. Gratificato da questo primo risultato ha subito modificato la sua alimentazione e dopo due mesi da quel compleanno ha raccolto la sfida di un cugino andando a correre la sua prima 10km in soli 49 minuti.  

Da allora l’atleta argentino ha corso tante gare e ha iniziato a sperimentare percorsi sempre più lunghi fino a correre una mezza maratona nel 2015 in 1h17’, tempo già di per sé di ottimo livello.

E’ solo nel 2016 alla Mezza Maratona di Córdoba che si capisce che Maldonado ha la stoffa dell’atleta d’élite, fermando il cronometro sull’1h10’ inizia a coltivare il sogno di correre la maratona olimpica e indossare la maglia dell’Argentina ai Giochi di Tokyo 2020.

Maldonado è la testimonianza che ciò che sembra impossibile può diventare realtà. Spesso è solo questione di tempo, perseveranza ed impegno, oltre che una buona dose di sana follia. E’ un caso eclatante, scoprirsi campioni tanto da ambire a vestire la maglia nazionale non è certo da tutti, in lui ci sono doti fisiche che erano ben nascoste che non è un affare comune. Tutti però con costanza possono aspirare a dimagrire e migliorare la propria situazione di obesità diventando persone sportive ed in salute, non necessariamente straordinari campioni.

Nei confini di casa nostra una storia simile può raccontarcela Ivan Doniselli, atleta della società sportiva La Michetta di Milano, che aveva raggiunto il peso di 103 kg. A 35 anni, appena sotto i 100 kg, con l’obiettivo di perdere peso, Ivan si iscrisse ad una gara di corsa da 10 km.

Da 110kg a campionissimo, le storie dell'argentino Maldonado e dell'italiano Doniselli

Ivan ha iniziato a divertirsi e nel trovare grande passione per questo sport ha iniziato anche a dimagrire in maniera considerevole. Nel tempo è diventato un atleta in grado di affrontare tutte le distanze, da quelle brevissime come il miglio alla regina maratona da 42km. Nel 2018 Ivan è diventato campione regionale M40 dei 1500m in pista e dei 3000m indoor, nel 2019 ha confermato il titolo di campione regionale di categoria M40 nei 1500m e si è laureato primatista italiano M40 nei 5000m su strada. Chissà cosa sarebbe successo se avesse scoperto prima queste potenzialità…

Tutte le notizie di Semplicemente Running

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

In edicola

Prima pagina