Sabato a Milano il Trofeo Sempione, raccolta fondi per Unità Spinale Niguarda

All’Arena Civica e al Parco Sempione la storica gara meneghina che quest’anno sostiene Unità Spinale Unipolare dell’Ospedale Niguarda con l’Associazione AUS Niguarda. Al via anche anche atleti disabili in carrozzina che adotteranno sulla carrozzina un propulsore monoruota, chiamato triride, che gli consentirà di muoversi in tutta sicurezza.
Sabato a Milano il Trofeo Sempione, raccolta fondi per Unità Spinale Niguarda
4 min

MILANO – Sabato 13 luglio, con partenza alle ore 18:30, al via uno degli eventi podistici più storici ed amati dai milanesi. 34° Trofeo Sempione, un appuntamento entrato nel cuore degli appassionati della corsa e di chi vuole vivere una giornata di sport agonistico, benessere, socialità, divertimento e anche tanta solidarietà.

Organizzato da A&C Consulting con la preziosa collaborazione di Road Runners Club Milano oltre al sostegno di numerose altre realtà istituzionali e non, proporrà un programma di sport inclusivo a 360°, ad oggi quasi 1000 adesioni, confermandosi come un appuntamento particolarmente sentito dai runner.

Tre le distanze in programma, con partenza e arrivo allestiti all’interno della splendida Arena Civica Gianni Brera: la 10 km competitiva, la 10 km non competitiva e una 5 km non competitiva. Il tracciato di 5 km, senza difficoltà altimetriche e adatto a tutti/e, è disegnato all’interno del Parco Sempione e tra le strade delle due Piazze adiacenti, Piazza Castello e Piazza Sempione.

SOLIDARIETÀ E SOSTENIBILITÀ – Lo sport come strumento d’inclusione e occasione per abbracciare la società, senza lasciare nessuno in panchina. Al 34° Trofeo Sempione sarà presente ancora una volta l’Associazione AUS Niguarda che, da 25 anni, sostiene il reparto di Unità Spinale Unipolare dell’Ospedale Niguarda che assiste persone con lesioni al midollo spinale. La raccolta fondi, promossa dall’AUS Niguarda, vuole integrare il percorso di riabilitazione dei pazienti e supportare il reparto con l’introduzione di nuove tecnologie.

Sabato 13 luglio alla corsa non competitiva di 5 km vedremo all’opera anche atleti disabili in carrozzina che, per disimpegnarsi al meglio sul percorso meneghino tracciato, adotteranno sulla carrozzina un propulsore monoruota, chiamato triride, fornito dalla Triride Srl, che gli consentirà di muoversi in tutta sicurezza.

Inoltre, grazie agli amici di Vegan Power Team e della Compagnia della Polenta, sarà promossa l’iniziativa Doppio Nodo. Tutti coloro che hanno un paio di scarpe da running che non usano ma in buono stato, potranno consegnarle, dopo averle lavate, allo stand dedicato. Le scarpe potranno così avere una nuova vita ai piedi di coloro che ne hanno bisogno. Il Trofeo Sempione non è solo sport, ma molto di più: solidarietà, inclusione e attenzione all’attualità.

GIOCO DI SQUADRA – Il Trofeo Sempione, fin dalla sua nascita, è sinonimo di sinergie. Il comitato organizzatore negli anni ha coltivato fruttuose collaborazioni con realtà di vario genere che hanno sposato l’identità dell’evento. Tra queste figura anche Dole Italia, azienda leader nella produzione e distribuzione di frutta fresca premium, che nei ristori fornirà le proprie banane. “Siamo davvero contenti di fare parte, anche quest’anno, della macchina organizzativa del Trofeo Sempione, manifestazione amata da tutta la cittadinanza. Per noi questo appuntamento è un’occasione per rimarcare come le scelte alimentari possano migliorare il benessere psico-fisico e influenzare positivamente anche le prestazioni sportive”, commenta Cristina Bambini, Responsabile Marketing di Dole Italia.

LA FESTA POST GARA – Il Trofeo Sempione non è solo sport inclusivo a 360 gradi e la possibilità di vivere il centro di Milano in una maniera inconsueta. Questo sabato sarà anche un’occasione di forte socialità, durante e dopo la gara. Al termine della loro fatica i partecipanti potranno rinfrescarsi con una birra o un cocktail distribuiti da Hexquisite, celebre brand di catering. Inoltre al Parco sarà presente anche RedBull che distribuirà lattine fresche per godersi appieno l’esperienza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA