Corriere dello Sport

Scherma

Vedi Tutte
Scherma

Scherma, Coppa del Mondo: Mara Navarria ancora sul podio 

Scherma, Coppa del Mondo: Mara Navarria ancora sul podio 

Per la terza volta in stagione la spadista di Carlino è salita sul gradino più alto a Budapest

Sullo stesso argomento

 

lunedì 26 marzo 2018 11:04

ROMA - Per la terza volta in stagione Mara Navarria sale sul podio in una gara di Coppa del Mondo. Dopo il successo di Tallin nella gara d'esordio stagionale e il secondo posto ottenuto al Grand Prix Fie di Doha a dicembre, la spadista di Carlino è salita sul gradino più alto del podio a Budapest, imponendosi grazie a una prestazione eccellente. Per l'atleta friulana in forza al Centro Sportivo dell'Esercito e che da tre anni si è trasferita a Rapallo dal Maestro Roberto Cirillo, si tratta del quinto successo in Coppa del Mondo della sua carriera agonistica. «Vincere aiuta a vincere! - scrive l'azzurra sui propri account social a commento del successo - Vorrei dedicare questa vittoria al mio maestro e ai suoi anni festeggiati ieri e a una persona che ho nel cuore che ci ha lasciato una settimana fa: il padre di una cara amica, Nathalie Moellhausen (storica compagna di nazionale da alcune stagioni passata a difendere i colori del Brasile, ndr)».

LA FINALE - La finale ha visto Navarria superare, al minuto supplementare, col punteggio di 5-4 la cinese Lin Sheng, dopo che in semifinale era stata brava a piazzare la stoccata decisiva del 14-13 contro la francese Marie-Florence Candassamy. Nel suo percorso di gara verso il podio, Mara aveva inanellato il successo all'esordio di giornata contro la sudcoreana Lim Joo Mi per 15-9. A seguire aveva vinto i derby azzurri dapprima contro Brenda Briasco per 15-10 e poi contro Alberta Santuccio col punteggio di 11-9. Ai quarti l'azzurra aveva sconfitto l'estone Erika Kirpu per 15-8, approdando così in semifinale e cogliendo la certezza del podio.

RIZZI - Sfiorata una storica semifinale tutta friulana: Giulia Rizzi, infatti, dopo aver eliminato in sequenza la polacca Pytka per 15-8, la francese Epee per 15-10 e agli ottavi la beniamina di casa, l'olimpionica ungherese Emese Szasz col punteggio di 15-8, si è arresa ai quarti alla francese Candassamy per 15-14 dopo aver condotto il match fino al 14-12. (In collaborazione con Italpress).

Articoli correlati

Commenti