Corriere dello Sport

Tuffi

Vedi Tutte
Tuffi

Tania Cagnotto si ritira: «Torino è l'unico posto dove è un piacere gareggiare»

Tania Cagnotto si ritira: «Torino è l'unico posto dove è un piacere gareggiare»
© LaPresse

L'atleta chiuderà la propria carriera alla Piscina Monumentale di Torino dove si disputeranno i Campionati Italiani Assoluti indoor

 

mercoledì 29 marzo 2017 15:38

ROMA - Tania Cagnotto si avvia a chiudere la propria carriera e succederà in occasione dei Campionati Italiani Assoluti indoor alla Piscina Monumentale di Torino dal 12 al 14 maggio. La manifestazione è stata presentata stamattina alla Sala Colonne di Palazzo Civico, a Torino, e ad accogliere la pluricampionessa azzurra era presente pure la sindaca della città, Chiara Appendino. "É bellissimo avere la possibilità di poter chiudere la carriera a Torino perché in Italia é l'unico posto dove é sempre un piacere gareggiare", ha spiegato la bolzanina, bronzo dal trampolino 3 metri e argento nel sincro insieme a Francesca Dallapè ai Giochi Olimpici della scorsa estate a Rio de Janeiro. "Ogni volta sembra di essere a un Mondiale grazie al grande calore del pubblico - ha aggiunto - Sarà un piacere salutare qui questo sport, ma ci sarà anche tanta malinconia. Ho deciso di smettere sul più bello, però credo sia la cosa più giusta da fare. Sarà dura scendere in acqua dopo sette mesi in cui non ho fatto niente e forse ci sarà da ridere". I tricolori tornano a Torino per la sesta volta negli ultimi 10 anni e, oltre alla Cagnotto, saranno in gara gli atleti più importanti del panorama italiano visto che la gara sarà valida come prova di selezione per gli Europei di Kiev e i Mondiali di Budapest. Alla conferenza torinese erano presenti anche il presidente federale Paolo Barelli e le due figure storiche dei tuffi nazionali, Klaus Di Biasi e Giorgio Cagnotto. Proprio il presidente Barelli, tra il serio e il faceto, ha svelato una curiosità riguardante Tania: "Mentre arrivavamo qua, mi ha detto che non sa se augurarsi di andare molto male o molto bene, perché nel caso dovesse andare bene a Torino, potrebbe decidere di continuare".

«GLI ANNI PIU' BELLI DOPO LA DELUSIONE DI LONDRA»

Articoli correlati

Commenti