Il discorso di Alberto Angela dedicato al padre Piero Angela: il testo integrale

Martedì 16 agosto a Roma l'ultimo saluto al grande giornalista e divulgatore scientifico
Il discorso di Alberto Angela dedicato al padre Piero Angela: il testo integrale© ANSA
5 min
TagsAlberto AngelaPiero Angela

"Buon viaggio papà", aveva scritto qualche giorno fa Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa a 93 anni del celebre padre e collega. In occasione dei funerali di Piero Angela, che si sono tenuti a Roma la mattina di martedì 16 agosto, il conduttore Rai ha pronunciato un toccante discorso. "Grazie per essere venuti. Ringrazio voi che siete qui e ringrazio chi è a casa e partecipa, ringrazio anche i media, la stampa, i tv. Da collega vi dico che avete fatto un lavoro molto corretto, di tatto, molto professionale. - ha esordito Angela junior visibilmente emozionato - "Non è facile per me questo discorso, di solito sono abituato ad andare a braccio ma in questa situazione mi capirete. È un discorso difficile: penso che le persone che amiamo non dovrebbero mai lasciarci però accade".

Funerali Piero Angela: la folla in Campidoglio e la commozione del figlio Alberto
Guarda la gallery
Funerali Piero Angela: la folla in Campidoglio e la commozione del figlio Alberto

Piero Angela funerali: il discorso del figlio

Alberto Angela ha dunque proseguito: "Vorrei partire dall'ultima cosa che ha fatto papà. Quel comunicato che tutti avete letto, l'ultima cosa fisicamente che ha detto è stata quella, con poche forze. Mia sorella e io l'abbiamo trascritto. Se voi lo guardate non è un discorso ufficiale: è come qualcuno che parla agli amici. Qualcuno che a fine vacanza dice "vabbè io vado". C'è molto affetto, amore, verso tutti". Il figlio di Piero Angela ha continuato: "È stata anche una persona - lo dico da figlio e collega - a unire ma non a dividere pur mantenendo le sue opinioni ferree. Una dote difficile da trovare. Il suo stile, il suo tatto lo conoscete tutti, ma la cosa bella che ha colpito tutti noi della famiglia è stato vedere questi messaggi che arrivavano e che non erano pieni di dolore o sofferenza ma di amore, che è un sentimento. Ho notato solo questo. È stata una cosa che mi ha molto colpito. Un sentimento che si trasforma in valore e i valori sono eterni. È questo il miglior vestito per papà, per il viaggio che farà".

Le toccanti parole di Alberto Angela

"Lui ci ha insgnato tante cose con trasmissioni, libri, ha usato tutti i media per divulgare. L'ultimo insegnamento l'ha dato non con le parole ma con l'esempio: mi ha insegnato in questi ultimi giorni a non avere paura della morte, che è la paura di qualsiasi essere umano. - ha aggiunto Alberto Angela -  L'ha attraversata con una serenità che mi ha sconvolto, che mi ha colpito. Mai visto in mezzo allo sconforto o alla tristezza. Ha fatto una quantità di cose e questo è uno dei motivi per cui se n'è andato soddisfatto. Ha attraversato quest'ultimo periodo con una razionalità, come se fosse quasi una missione Apollo". E poi ancora: "Quando ha capito che era ormai arrivato il suo tempo ha fatto le sue ultime trasmissioni e pure un disco jazz. Aveva una forza incredibile. Ha fatto un discorso ai familiari e dopo 24 ore che l'ha fatto se n'è andato. Mai vista una cosa cosi. Lo dico come figlio e collega giornalista. Aveva un approccio alla vita razionale, scientifico, e di amore, di come la vita dovrebbe essere vissuta".

Piero Angela come Leonardo da Vinci

"Ho avuto la sensazione di avere Leonardo da Vinci in casa. Papà amava ripetere un suo aforisma: "Siccome una giornata bene spesa dà lieto dormire, così una vita bene usata dà lieto morire". Lo ripeteva e credo lo abbia interpretato fino alla fine. Per lui era importante avere una vita colma, era un insegnamento per tutti noi. Riempire la vita, amare tutte le passioni come ha fatto lui. Anche se da torinese sembrava molto riservato c'era un fuoco dentro di lui. A mio modo di vedere lui continuerà a vivere attraverso i libri, le trasmissioni, i dischi jazz", ha dichiarato il figlio di Piero Angela. "Continuerà a vivere in tutti quei ragazzi che cercano l'eccellenza, con sacrificio. Sarà vivo in tutte le persone che cercano di unire, di assaporare la vita. Una persona scientifica ma con il senso dell'umorismo grandissimo. Era bravo in tutte le cose, persino nel disegno. Una mente che, ancora adesso, mi sorprende. L'eredità che ci lascia è importante: non è un'eredità fisica ma di atteggiamento nel lavoro. Anche io cercherò di fare la mia parte".

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti