Flavio Briatore derubato a Milano: "È una città pericolosa"

L'imprenditore ha denunciato tutto con un lungo sfogo sui social network: è arrivata la replica del primo cittadino Beppe Sala
Flavio Briatore derubato a Milano: "È una città pericolosa"© Getty Images
2 min

Flavio Briatore derubato in pieno centro a Milano. “Sentite cosa mi è successo alle 11 del mattino in via Cordusio, zona Piazza affari – ha raccontato l'imprenditore sui social network – Il mio autista mi stava aspettando, avevo appuntamento per un caffè. L’autista scende dalla macchina, l’ufficio lo chiama, lui è al telefono e arriva con un monopattino un extracomunitario, apre la portiera prende lo zainetto e fugge. L’autista se ne accorge ma aveva già un vantaggio di 5/6 metri…”. Briatore ha continuato spiegando che nei dintorni “c’era un capitano della Guardia di Finanza” che, avendo visto la scena, è riuscito a bloccare il ladro “recuperando il mio zainetto” e “riconsegnandolo al mio autista”.

Flavio Briatore: "Milano è una città pericolosa"

Flavio Briatore, che ha precisato che nello zainetto c'erano documenti ed altri effetti personali, ha proseguito: "Secondo voi non è una roba da matti che in via Cordusio alle 11 del mattino hai la gente che ti viene a rubare in macchina fregandosene del fatto che ci fosse l’autista a un metro? E per fortuna c’era il capitano della Guardia di finanza lì per altri motivi”. L'ex team manager della Formula 1 ha così attaccato il primo cittadino Beppe Sala: "Dice sempre che è tutto a posto e sotto controllo, ma non c’è nulla sotto controllo. È una città pericolosa, sono giuste le statistiche che vedo. Milano è una città pericolosa per cui datevi una mossa, cercate di sistemarla perché così la gente ha paura. E io che non ho mai avuto paura di nulla adesso quando vado a Milano farò molta più attenzione”.

Beppe Sala risponde a Flavio Briatore

Il sindaco Beppe Sala ha risposto così su Instagram all'ex marito di Elisabetta Gregoraci: "Spero che Briatore sia andato anche in questura a far denuncia oltre a fare una storia". 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti