Corriere dello Sport

Cronaca

Vedi Tutte
Cronaca

Wind Jet, arrestato l'ex presidente del Catania Pulvirenti

Wind Jet, arrestato l'ex presidente del Catania Pulvirenti

Il provvedimento è stato eseguito nell'ambito dell'inchiesta per bancarotta fraudolenta della compagnia aerea. Stessa sorte anche per l'ad della società, Stefano Rantuccio

Sullo stesso argomento

 

venerdì 29 gennaio 2016 13:24

CATANIA - L'ex patron del Calcio Catania, Antonino Pulvirenti, è stato arrestato da militari del comando provinciale della Guardia di finanza del capoluogo etneo nell'ambito dell'inchiesta per bancarotta fraudolenta della compagnia aerea Wind Jet, di cui era presidente. Un analogo provvedimento del gip è stato eseguito nei confronti Stefano Rantuccio, amministratore delegato della società. La Wind Jet tecnicamente non avrebbe più potuto volare già nel 2005 perché aveva chiuso il bilancio con un passivo di 600 mila euro e quindi la società non poteva operare. Lo ha affermato il procuratore di Catania, Michelangelo Patanè, alla conferenza stampa sull'operazione Icaro della Guardia di Finanza. Alla compagnia low cost sono contestate diverse presunte false fatturazioni che altro, secondo l'accusa, non sarebbero state che "operazioni di maquillage di bilancio, con una bancarotta che si è dipanata negli anni". Tra le presunte operazioni fraudolente, i pm inquadrano la rivalutazione del marchio Wind Jet nel 2005: l'anno precedente era stato iscritto al bilancio per un valore di 319 euro e nel 2005 è stato ceduto per 10 milioni di euro alla Meridi, società che gestisce supermercati che fa parte dello stesso gruppo imprenditoriale. Dalle indagine della Guardia di Finanza sarebbe emerso che il management della compagnia aerea, quando la società era già in crisi di liquidità, avrebbe distratto ingenti somme di denaro verso altre società del gruppo Pulvirenti: in caso, per 1,8 milioni di euro di un debito contratto con Finaria e un altro come, nel 2009 di 2,4 milioni di euro alla Meridi per il parziale riacquisto del marchio Wind Jet. Complessivamente nell'inchiesta Icaro sono indagate 17 persone: per Antonino Pulvirenti e Stefano Rantuccio, sono stati disposti gli arresti domiciliari, gli altri sono tutti in stato di libertà.

Articoli correlati

Commenti