Cronaca
0

Coronavirus, i medici del Piemonte: "Siamo allo stremo"

Disperata lettera aperta al governo da parte della sanità regionale: "Mancano mascherine, medici e posti in terapia intensiva"

Coronavirus, i medici del Piemonte:
© ANSA

TORINO – Disperato appello dell’Ordine dei Medici del Piemonte per l’emergenza Coronavirus, che sta causando il collasso della sanità regionale: “La situazione è grave: nei prossimi giorni sarà drammatica – scrivono in una lettera aperta indirizzata al governo - vi preghiamo di intervenire con urgenza a supporto della Regione per permetterci di affrontare l'epidemia da Covid-19, che nelle nostre città prosegue il suo diffondersi con valori esponenziali”. L’Ordine chiede “di metterci nelle condizioni di poter fare il nostro lavoro. Siamo allo stremo. Iniziano a scarseggiare i posti letto in rianimazione e nei reparti: alcuni colleghi sono disperati. Vi chiediamo di rifornirci al più presto di tutto il necessario per curare la popolazione senza rischiare la vita”.

Mancano ventilatori e mascherine

Nella lettera aperta si legge inoltre: “Il personale sanitario è sprovvisto degli adeguati dispositivi di protezione e cura i pazienti a rischio della propria salute. Mancano ventilatori, caschi Cpap, farmaci. Non abbiamo medici a sufficienza, sia per l’esplosione dei casi ricoverati sia per la quarantena di molti di noi, che si sono infettati lavorando. Tutti siamo allo stremo”.

Tutte le notizie di Cronaca

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

In edicola

Prima pagina