"Coronavirus, due medici cinesi si risvegliano con la pelle scura"

La tv di Stato racconta la strana storia di Yi Fan e Hu Weifeng: la pigmentazione alterata potrebbe dipendere dagli effetti collaterali al fegato causati da alcuni farmaci

WUHAN (Cina) - Una storia assurda rimbalza dal Wuhan Central Hospital, raccontata dalla tv di Stato cinese Cctv: due medici, Yi Fan e Hu Weifeng, entrambi 42enni, colpiti dal Coronavirus, si sono risvegliati dopo oltre un mese in terapia intensiva con la pelle molto più scura. La spiegazione risiederebbe negli effetti collaterali di un farmaco utilizzato per combattere il Covid-19 che avrebbe provocato un malfunzionamento al fegato, tale da alterare la pigmentazione.

Coronavirus, l'alterazione non è permanente

Secondo gli esperti la situazione tornerà alla normalità non appena la ghiandola più grande del corpo umano tornerà a funzionare correttamente. Se per il dottor Yi, dopo 39 giorni attaccato ad una macchina, l'incubo sta per finire, sono un po' più gravi le condizioni di Hu, nonostante sia tornato a parlare: è al 45° giorno in rianimazione e ha ancora bisogno dell'ausilio dei macchinari.

Da non perdere





Commenti