Coronavirus, D'Amato: "I posti letto ci sono, questa è una guerra"

L'Assessore alla Sanità della Regione Lazio: "Le nostre strutture ospedaliere stanno velocemente cambiando pelle e si stanno attivando giornalmente "
Coronavirus, D'Amato: "I posti letto ci sono, questa è una guerra"© ANSA
TagsCoronavirus

L'Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, ha dichiarato: "Questa è una guerra contro il virus e contro il tempo. C'è una grande pressione sui pronto soccorso ma non vi è alcuna mancanza di posti letto, che si stanno quotidianamente attivando, poiché quelli programmati sono al momento coerenti con la curva epidemiologica. Le nostre strutture ospedaliere stanno velocemente cambiando pelle e si stanno attivando giornalmente posti letto dedicati al Covid-19".

Coronavirus, ambulanze in coda al Pronto Soccorso del Fatebenefratelli
Guarda la gallery
Coronavirus, ambulanze in coda al Pronto Soccorso del Fatebenefratelli

Covid, D'Amato: "Nuova area febbre alll'Umberto I"

"Difendo i nostri operatori sanitari dei pronto soccorso che non hanno mai fatto venire meno uno straordinario impegno e una grande professionalità. Donne e uomini straordinari che operano nei Dipartimenti di emergenza/urgenza nel pieno rispetto dei protocolli clinico/terapeutici e dei pazienti. C'è una forte pressione ma nei pronto soccorso viene garantita la sicurezza e i percorsi tra i casi Covid e quelli non sospetti Covid fin dalla fase di pre-triage. Stamani ho avuto modo di visitare la nuova area febbre di prossima apertura del pronto soccorso del Policlinico Umberto I che garantirà un ulteriore rafforzamento della rete. Ho parlato con i professionisti sono tutti fortemente motivati e consapevoli della lunga battaglia che ci aspetta per salvare Roma e il Lazio" conclude.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti