Crisanti: "Vaccino Pfizer non è risolutivo"

Il virologo placa gli entusiasmi: "Non può avere un impatto sull'epidemia di Covid-19 prima di 12 mesi. Verso ottobre-novembre 2021 vedremo dei veri cambiamenti"
Crisanti: "Vaccino Pfizer non è risolutivo"© ANSA
TagsVaccinoCoronavirusCrisanti

ROMA - Nonostante arrivino buone notizie sul fronte vaccino, Andrea Crisanti, docente di Microbiologia e Microbiologia clinica all'università di Padova, esprime tutte le proprie perplessità a The Breakfast Club su Radio Capital. Nei giorni scorsi l'azienda statunitense Pfizer ha annunciato che il vaccino da loro sviluppato ha un'efficacia di oltre il 90%. Una notizia che potrebbe rappresentare una svolta nella lotta alla pandemia e che farebbe esultare chiunque, ma non Crisanti, che placa gli entusiasmi: "Il vaccino non può avere un impatto sull'epidemia di Covid-19 prima di 12 mesi. Verso ottobre-novembre 2021 vedremo dei veri cambiamenti".

Crisanti scettico sul vaccino Pfizer 

Secondo il virologo, inoltre, "il vaccino non può essere reso obbligatorio visto il meccanismo con il quale sarà messo in commercio". Parlando nello specifico del vaccino della Pfizer, Crisanti chiarisce: "È un barlume di luce, però bisogna guardarlo nei dettagli. C'è un problema logistico - osserva lo scienziato - perché ha bisogno di una catena del freddo a -80 gradi e la tecnologia per la conservazione in Italia non è disponibile nei punti di distribuzione, quindi farmacie e studi medici".

Vaccino Pfizer, Burioni: “L'incubo sta finendo. Stiamo vincendo 3-0 al 55'”

Vaccino, il governo accelera: Arcuri responsabile della distribuzione

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti