"Clima, invecchiamento e fame: lo studio shock sul prossimo futuro"

Il National Intelligence Council degli Stati Uniti, che aveva predetto la pandemia di Covid, lancia l'allarme: scopri di più
"Clima, invecchiamento e fame: lo studio shock sul prossimo futuro"© EPA
TagsNational Intelligence Council

"Entro il 2040 la Terra si troverà a fronteggiare problematiche quali: rallentamento della crescita della popolazione, con conseguente invecchiamento, un tracollo a livello climatico, tensioni crescenti nei rapporti internazionali e aumento della fame": è lo studio shock, denominato Global Trends Report, condotto dal National Intelligence Council degli Stati Uniti, lo stesso che aveva anticipato - quattro anni fa, nella sua precedente emissione - la pandemia di Coronavirus.

"Non solo clima e povertà: ci saranno tensioni internazionali"

La ricerca specifica come l'attuale crisi sanitaria abbia aumentato la disuguaglianza economica, alimentando i sentimenti nazionalisti, amplificando anche la forbice tra ricchezza e povertà ed esaurendo le risorse delle autorità. Per quel che concerne il clima, invece, il peggioramento del riscaldamento globale e dell'inquinamento contribuirà ad aggravare il problema dell'insicurezza alimentare e della scarsità d'acqua, favorendo nuovi flussi migratori. Inoltre, il boom delle tecnologie creerà tensioni internazionali, con implicazioni su "sicurezza economica, militare e sociale". Il progresso, infine, sarà rallentato dalle conseguenze della pandemia.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti