Slovenia, ecco il "piccolo drago" ritrovato nelle grotte di Postumia

Questi minuscoli animaletti, simili a salamandre cieche, possono sopravvivere anche diversi anni senza mangiare
Slovenia, ecco il "piccolo drago" ritrovato nelle grotte di Postumia© AP
3 min
TagsOlmiGrotte di Postumia

POSTUMIA (SLOVENIA) - "Piccolo drago", così gli abitanti di Postumia, in Slovenia, hanno ribattezzato i minuscoli animaletti ritrovati all'interno delle grotte locali. Nota tra gli abitanti - ci sono graffiti del 1213 - questo luogo ameno nasconde una specie animale simile a salamandre cieche. Sono circa 35 milioni i turisti che dall'inaugurazione, data 1818, hanno visitato questa grotta. Un vero e proprio labirinto lungo quasi 24 km e zeppo di camere e gallerie, i primi due percorribili su una linea ferroviaria, che termina al Palazzo dei Congressi, dove nel 1930 si esibì l'Orchestra Sinfonica di Milano. Per andare avanti bisogna attraversare a piedi un sentiero che arriva fino ai 115 metri di profondità e anfratti larghi appena un metro. Giunti in fondo si potranno ritrovare questi piccolissimi animaletti lunghi appena 25 cm. Il soprannome piccolo drago è dovuto al fatto che durante un periodo di inondazioni venivano trascinati fuori dalla grotta, e poiché questa è popolarmente la "casa" dei draghi, potrebbero essere i loro piccoli. "È il più grande tra gli animali cavernicoli e l'unico vertebrato in Europa strettamente legato agli habitat delle grotte. È perfettamente adattato alla vita al buio. Si nutre di crostacei, vermi, lumache e altri invertebrati acquatici. Ha una durata di vita di fino a cento anni e può passare diversi anni senza mangiare", si legge sul sito della grotta stessa .

Le caratteristiche dei "piccoli draghi"

Conosciuti come pesci umani per via del loro aspetto, con la pelle bianca e rosa al posto delle squame e gli arti che hanno piccole dita, sono anche sensibili alle vibrazioni e hanno un forte senso dell'udito. "I proteani nella vasca della grotta ti sentono, si spaventano e adottano le loro posizioni di sicurezza", spiega Primoz Gnezda, un biologo che ha trascorso anni a studiare le protee. "Per lo studio di questa specie, la grotta ha al suo interno un laboratorio in cui si conservano fino a 10 olmi, il cui DNA è 'come un romanzo' , è 16 volte più lungo di quello umano e più complicato", sottolinea Gnezda. In questo DNA ci sono spazi vuoti e gli esperti non ne conoscono, ad oggi, il motivo. Una delle sue grandi peculiarità è il suo potere di rigenerazione. "Se perdono un arto, ricresce. L'idea della ricerca è scoprire il meccanismo che c'è dietro". Il mistero è tale che è addirittura impossibile individuarne dal loro DNA il genere. "Ora stiamo cercando di distinguere i sessi analizzando il loro sangue e controllando le proporzioni ormonali", afferma il ricercatore. All'inizio del 2016 gli esperti hanno verificato uno strano comportamento di una femmina, he mostrava un atteggiamento di difesa. Il motivo è che stava proteggendo un uovo. Poi si decise di trasferirsi in un luogo separato e per le successive otto settimane continuò a deporre le uova. In totale c'erano 64 uova, di cui solo 21 riuscirono a sopravvivere. "Molte cose possono andare storte durante lo sviluppo dell'uovo e circa i due terzi dei piccoli muoiono da soli", spiega. Quattro mesi dopo la deposizione del primo uovo, il primo giovane si schiuse. Oggi, due di quei piccoli sono nell'acquario.


Acquista ora i tuoi biglietti per i migliori concerti!

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti