Addio a Tommy Kirk, il piccolo Travis Coates di Zanna Gialla

Diventato famoso per puro caso, aveva raccontato in un'intervista che la sua carriera era stata condizionata dopo aver dichiarato di essere omosessuale. Si è spento a 79 anni
Addio a Tommy Kirk, il piccolo Travis Coates di Zanna Gialla
2 min
Tagszanna giallakirk

NEW YORK (Stati Uniti) - Si è spento all'età di 79 anni Tommy Kirk, il piccolo protagonista di Zanna Gialla. Ad annunciare la sua scomparsa è stato dato su Facebook l'amico e collega Paul Petersen, che nel darne notizia ha anche ricordato la situazione personale di Kirk, che aveva interrotto tutti i rapporti con i suoi familiari: “Il mio amico da molti decenni Tommy Kirk è stato trovato morto la scorsa notte. Tommy era gay e non aveva più contatti con quel che resta della sua famiglia di sangue. Noi della non profit "A Minor Consideration" siamo la sua famiglia e ci occuperemo di lui". Queste le parole di Petersen che riportano alla luce un'intervista rilasciata da Kirk negli anni novanta, nella quale la star di Hollywood aveva dichiarato i problemi causati alla sua carriera dopo aver detto di essere omosessuale: “La Disney era uno studio cinematografico per famiglie e io avrei dovuto essere il loro giovane protagonista. Quando avevo 17 o 18 anni circa, ho finalmente ammesso a me stesso che non sarei cambiato. Non sapevo quali sarebbero state le conseguenze, ma avevo la netta sensazione che avrebbe rovinato la mia carriera Disney e forse tutta la mia carriera di attore. Stava per finire tutto”.

E' morto Tommy Kirk 

Tommy Kirk ha visto iniziare la sua carriera d'attore per puro caso, accompagnando il fratello maggiore a un'audizione. È stato quindi ingaggiato nel cast della serie TV della Disney The Hardy Boys: The Mystery of the Applegate Treasure. Nel 1957, ottenuto il ruolo di Travis Coates in Zanna gialla, che poi gli ha dato la possibilità di partecipare ad altri prodotti di successo come Geremia, cane e spia, Babes in Toyland, Un professore fra le nuvole e Professore a tuttogas, Kirk è diventato celebre in tutto il mondo. L'attore ha poi deciso di mettere fine alla sua carriera negli anni '70, quando ha dichiarato pubblicamente la sua omosessualità e ha iniziato a far fronte ai suoi problemi di tossicodipendenza, accettando solo piccoli ruoli occasionali successivamente. "Voi lo avete sollevato quando nel 1965 l'industria del cinema lo aveva messo al tappeto. Non provava amarezza. Dio abbia pietà della sua anima", il messaggio finale dell'amico Petersen.


Scopri il palinsesto TV completo

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti