LeBron: «Dopo il titolo del 2016 mi sono sentito top di sempre»
© EPA
Basket
0

LeBron: «Dopo il titolo del 2016 mi sono sentito top di sempre»

Il campione dei Lakers: «Impresa Cleveland irripetibile, contro la migliore squadra della storia»

ROMA - Chissà cosa ne penseranno i tifosi di Michael Jordan, ma LeBron James ha ieri messo loro una pulce nell'orecchio confessando che, dopo l'anello conquistato due anni fa con Cleveland, si è sentito davvero "il migliore di sempre". Lo ha raccontato il diretto interessato in un'intervista a ESPN in cui spiega come subito dopo la vittoria del titolo Nba 2016 (e contro i Golden State Warriors delle 73 vittorie nella regular season e definita da LeBron "la migliore squadra mai assemblata") si sia sentito in cima al mondo: "L'impresa del 2016 è irripetibile, l'unico momento in cui ho pensato di aver fatto qualcosa di speciale. Mi sono sentito davvero super per aver vinto un titolo a Cleveland dopo 52 anni di digiuno. Tutti mi hanno visto piangere, come se quelle lacrime riassumessero l'attesa di una intera comunità. Poi mi sono fermato a pensare un attimo e mi sono detto: "Forse questa vittoria mi ha reso il giocatore più grande di tutti i tempi'. E' una sensazione che mi ha accompagnato una sola volta in tutta la mia carriera. Mi sono davvero sentito come se avessi fatto qualcosa di speciale", ha concluso King James

Vedi tutte le news di Basket

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti