Un Europeo formato Nba, Datome il leader azzurro

Oggi la prima palla a due tra Spagna e Bulgaria. Edizione itinerante tra Milano, Praga, Tbilisi e Colonia. L’Italia pronta a sfidare l’Estonia
Un Europeo formato Nba, Datome il leader azzurro© CIAMILLO-CASTORIA
4 min
Fabrizio Fabbri

ROMA - Dopo cinque lunghi anni d'assenza, complice anche il posticipo per le restrizioni obbligate dalla pandemia, si alza oggi la prima palla a due degli Europei di basket con la sfida tra Spagna e Bulgaria. Edizione itinerante, come ormai abitudine, con la prima fase che si giocherà a Milano, dove domani gli azzurri esordiranno contro l'Estonia, Praga, Tbilisi e Colonia. Poi terminata la fase a gironi le prime quattro di ogni gruppo voleranno a Berlino dove, a partire dagli ottavi, si giocherà a eliminazione diretta per conoscere chi succederà alla Slovenia nell'albo d'oro della manifestazione continentale.

Stelle

Era il 2017 quando l'allora giovanissimo Luka Doncic, oggi stella della Nba con la canottiera di Dallas, gioiva con il ghiaccio su una caviglia per la vittoria della sua Nazionale per 71-67. A trascinare la Slovenia, dopo il crack avvenuto all'inizio della seconda metà della gara, ci pensò Goran Dragic pronto a vestire la sua sesta casacca diversa nella lega professionistica americana con i Chicago Bulls. Due stelle, Doncic e Dragic, pronti a sfidarne altre già splendenti o sul punto di esplodere. Nelle fila dell'altra favorita, la Francia, si stagliano i muscoli e i centimetri di Rudy Gobert, lungo apprezzato in Nba per le sue grandi doti difensive. Galletti che manderanno sul parquet anche un talento offensivo come Evan Fournier. Anche nella Serbia ci sarà tanta abbondanza vicino ai tabelloni. Perché la squadra affidata alla saggezza e alla tradizione vincente di Svetislav Pesic ha il suo leader in Nikola Jokic stella assoluta dei Denver Nuggets. Il centro serbo potrebbe incrociare nella seconda fase il pari ruolo croato Ivica Zubac, pivottone che nei Los Angeles Clippers si è ritagliato uno spazio importante e che avrà al fianco altri due talenti come Saric e Bogdanovic. Attenzione anche a Kristaps Porizingis, 216 centimetri ma una pericolosità da tre punti fuori dal comune. Lui è il trascinatore della Lettonia, esaltato dall'utilizzo che ne sta facendo un coach ben conosciuto dalle nostre parti visto che sulla panchina della nazionale della repubblica baltica siede Luca Banchi. Tanta curiosità per il finlandese Lauri Markkanen, gioca a Cleveland con i Cavs, mentre anche la Lituania avrà frecce nel proprio arco in arrivo da oltre oceano: Domantas Sabonis, figlio di Arvidas, e Jonas Valanciunas.

L’Italia

Ci siamo anche noi, con l’esperienza di Datome, leader della Nazionale, il talento di Fontecchio che volerà anche lui nella Nba e il nostro spirito di squadra. E incroceremo, già alla seconda partita, la vera stella di questo Europeo: Giannis Antetokounmpo vincitore nel 2021 dell'anello con i Milwaukee Bucks. Difficile che la sua presenza consenta agli ellenici di inserirsi tra i pretendenti al titolo ma certo è che il gruppo affidato alle sapienti mani di Dimitris Itoudis sarà nel lotto delle outsider.

Gli assenti

Sarà anche l'Europeo dei grandi assenti. Milos Teodoscic è fuori per scelta tecnica, mentre la sfortuna ha fermato in rapida successione, e a pochi giorni dal via della manifestazione Satoranski, leader della Repubblica Ceca, lo spagnolo Sergio Llull e Danilo Gallinari. Ma nonostante molti forfait ci sarà da divertirsi.


Acquista ora il tuo biglietto! Segui dal vivo la partita.© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti