Virtus Roma: "Il ritiro era inevitabile. Costi insostenibili"

Così la società di basket della Capitale ha commentato la comunicazione fatta dalla Fip e LEga Basket Serie A
Virtus Roma: "Il ritiro era inevitabile. Costi insostenibili"© Ciamillo

ROMA - "Il ritiro era inevitabile. Costi insostenibili". Così si legge in una nota della Virtus Roma all'indomani della comunicazione della Fip e e Lega Basket Serie A della decisione assunta dal cda di ritirare la società dal campionato in corso. Il comunicato ufficiale continua: "Una decisione sofferta, presa dopo aver constatato l'assoluta e oggettiva impossibilità di sostenere i costi necessari per portare a termine la stagione. Il protrarsi della legislazione emergenziale relativa alla pandemia ha provocato, in modo non preventivabile e non evitabile, il totale azzeramento dei ricavi e la compagine sociale, che pure ha sostenuto per decenni, con notevoli sacrifici economici, l'attività sportiva della squadra ha dichiarato la propria indisponibilità a proseguire nel farlo". La Virtus Roma poi conclude: "Il tentativo di trovare soggetti disposti ad acquisire o a sostenere in qualunque modo la società è stato svolto in ogni direzione, in Italia e oltre oceano ma nessuno di questi, nonostante le vantaggiose condizioni proposte, ha dato esito positivo, probabilmente avendo constatato l'impossibilità di generare ricavi. È forte il rammarico, sia in considerazione della storia sportiva della società, sia della sua importanza per la città di Roma, sia per il disagio creato allo svolgimento del campionato. Tuttavia la decisione è stata resa inevitabile dagli eventi".

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti