Corriere dello Sport

Nazionali basket

Vedi Tutte
Nazionali basket

Italia, che show difensivo: è primo posto

Italia, che show difensivo: è primo posto
© CIAMILLO

Gli azzurri battono la Croazia: protagonisti Belinelli ma anche Hackett e Melli, determinanti per fermare Bogdanovic e Saric

Sullo stesso argomento

 

martedì 5 luglio 2016 22:25

TORINO - L’Italia vince e convince: il 67-60 sulla Croazia è figlio di una grande prova difensiva (dopo i 41 punti concessi alla Tunisia) e vale il primato nel girone B del Preolimpico di Torino. Di fronte ai quasi 15.000 del PalaAlpitour – compresi il sindaco Appendino, il presidente Coni Malagò, ma anche il presidente juventino Andrea Agnelli, il tecnico Massimiliano Allegri e l’ex capitano Alex Del Piero – l’Italia ringrazia la prova da 19 punti di Marco Belinelli, bravo a togliere le castagne dal fuoco nei momenti chiave. Ma in difesa sono due leoni Daniel Hackett (12 punti e 8 rimbalzi) e Nicolò Melli, bravi a limitare nel finale Bogdanovic (26 di cui soltanto 7 nella ripresa) e Saric (11).

ANCHE DEL PIERO TRA GLI SPETTATORI - FOTO

PRIMATO – L’Italia si guadagna la semifinale contro la perdente di Grecia-Messico, mentre la Croazia deve qualificarsi contro la Tunisia. I croati a lungo hanno l’inerzia in mano, con l’attacco italiano in difficoltà con il 33% al tiro di metà gara (con un canestro giustamente tolto a Melli, perché segnato a gioco fermo), con Gallinari e Datome in difficoltà. Belinelli, però, resta il polo offensivo predominante ed è lui ad aprire il 12-2 di inizio ripresa con cui l’Italia vola sul +8. Bogdanovic e Saric escludono il resto della squadra dal gioco ma non trovano il canestro con continuità, e quando anche Datome e Gallinari (12) fanno canestro, arriva l’urlo liberatorio. Il -1 a rimbalzo e il 36% concesso ai croati – che subiscono due falli tecnici a coach Aza Petrovic e Bogdanovic – sono eccellenti notizie per Messina, in attesa che tutti i big tornino a brillare anche in attacco.

BUONA LA PRIMA CONTRO LA TUNISIA

Articoli correlati

Commenti