Corriere dello Sport

Nazionali basket

Vedi Tutte
Nazionali basket

Eurobasket 2017, Messina: "Faccia tosta e fiducia nei nostri mezzi"

Eurobasket 2017, Messina:
© CIAMILLO

Il c.t. azzurro ha parlato alla vigilia della gara d'esordio contro Israele

 

mercoledì 30 agosto 2017 15:44

ROMA - E' tutto pronto nel ritiro azzurro di Tel Aviv per la sfida di domani contro i padroni di casa d'Israele che darà il via all'Europeo dell'Italbasket di Ettore Messina. Proprio il c.t. azzurro ha parlato alla vigilia della gara chiedendo ai suoi ragazzi faccia tosta e fiducia nei propri mezzi e dedicando un pensiero a Davide Pascolo che proprio ieri ha rimediato un forte trauma al ginocchio destro e non parteciperà agli Europei lasciando spazio a Filippo Baldi Rossi: «Mi dispiace molto per Davide. Noi ci adatteremo ancora anche perché Filippo Baldi Rossi è un giocatore diverso. Ringrazio lui e la sua società per essersi messi a disposizione. In questo Europeo avremo cinque giocatori all’esordio assoluto in una manifestazione come questa: servirà la loro faccia tosta e la voglia di fare le cose insieme. Oltre l’impegno, che in questi giorni di preparazione non è mai mancato, questi ragazzi hanno la capacità di capire quali siano le cose che facciamo bene e quelle che invece non siamo ancora in grado di fare nel modo corretto. Israele è una squadra che ha talento offensivo, movimento di palla e ritmo alto. Sarà importante mantenere il controllo dei rimbalzi e fare canestro. Tutti i ragazzi hanno la volontà di curare i dettagli e sono davvero curioso di andare in campo domani sera. Perdere la prima partita? Tutte le gare, in un girone così, sono determinanti per il piazzamento finale ma mi è già capitato di perdere all’esordio, per esempio con la Virtus: l’anno in cui vincemmo l’Eurolega cominciammo con una sconfitta in casa e anche all’Europeo nel 2015 la Nazionale iniziò perdendo con la Turchia».

OTTIMISMO - Giunto a Tel Aviv per seguire il cammino della Nazionale, anche il presidente Petrucci si è detto ottimista e ha voluto sgomberare il campo da tutti gi alibi che potrebbero generare i tanti infortuni che hanno falcidiato la rosa: «Sono convinto che nello sport non esista la sfortuna ma non so davvero come definire quello che ci sta succedendo. Passo dopo passo vedremo dove arriveremo. Abbiamo un gruppo di giocatori determinati e con la voglia di fare qualcosa di buono insieme. Sono ottimista per natura, la squadra ha lavorato bene e abbiamo la coscienza a posto».

Articoli correlati

Commenti