Basket, Sacchetti:
© CIAMILLO
Nazionali basket
0

Basket, Sacchetti: "L'Italia deve ripartire da zero". Datome: "Daremo tutto"

Alla vigilia dell'esordio al Mondiale contro le Filippine, ha parlato anche il presidente della FIP Gianni Petrucci: "Il CT rimarrà con noi qualunque risultato la squadra ottenga"

ROMA - "Il mio desiderio è quello di vincere e di andare il più avanti possibile nel Mondiale, ma voglio che tutti sappiano che Meo Sacchetti rimarrà con noi qualunque risultato la squadra ottenga. Vogliamo conquistare innanzitutto il torneo pre olimpico e poi, perché no, fare anche qualche altro passo avanti". Il presidente della federbasket, Gianni Petrucci, alla vigilia dell'esordio degli azzurri ai Mondiali in Cina contro le Filippine fissa gli obiettivi ma soprattutto 'blinda' il ct Sacchetti. "La squadra e lo staff tecnico hanno fatto il proprio dovere - le parole del n.1 della Fip - e sono convinto che affronteremo il Mondiale con dignità e serenità. Fino a questo momento il ct ha dovuto fare i conti, soprattutto per il minutaggio da dare ai giocatori, con il comparto medico sanitario e questo senza dubbio ci ha un po' limitato ma le varie situazioni dei ragazzi andavano monitorate attentamente". "La partita che temo di più è quella di domani contro le Filippine - ha aggiunto Petrucci - le gare d'esordio sono sempre insidiose e mi aspetto migliaia di tifosi avversari visto che per loro il basket è quasi una religione. L'emozione per il ritorno al Mondiale dopo tanti anni è fortissima".

Le parole di Meo Sacchetti

Il CT Meo Sacchetti, invece, ha dichiarato: "Inutile girare intorno alle cose: arriviamo a questo Mondiale scontenti per come abbiamo giocato certe partite. Ho visto anche qualcosa di buono ed è positivo aver recuperato gli infortunati. Ora però, dobbiamo resettare tutto e ripartire da zero con entusiasmo. Voglio che i miei ragazzi si emozionino perché giocare per la Nazionale, per di più in un Mondiale, è qualcosa di straordinario. La nostra è una squadra che deve guadagnarsi tutto e che non può in nessun modo sottovalutare gli avversari. A cominciare dalle Filippine, squadra piccola e veloce. Attaccano soprattutto in transizione e hanno un giocatore di scuola americana, Blatche, dotato di un gran fisico. Il mio primo obiettivo è proprio quello di aprire la manifestazione con una vittoria e poi fare un passo dopo l'altro. Nel corso della preparazione c'è stata la sensazione che fossimo in difficoltà ma negli ultimi allenamenti ho visto un coinvolgimento di tutti nell'usare la voce per aiutare il compagno".

Le parole di Gigi Datome

Anche il capitano Gigi Datome ha parlato alla vigilia dell'esordio degli azzurri: "La squadra è felice di essere qui. E' stata una preparazione lunga ma ora si azzera tutto e si riparte con entusiasmo. La serenità interiore è più forte delle difficoltà. Siamo coscienti di avere un certo valore e di non essere tra le squadre più quotate ma poi si va in campo e spesso il parquet può ribaltare tutto. Lo ripeto, siamo felici di poter giocare un Mondiale e non dimentico tutto il lavoro fatto per arrivare fin qui. In particolare un grande ringraziamento va a tutti quei ragazzi che durante le qualificazioni hanno sudato per offrirci questa possibilità".

Tutte le notizie di Nazionali basket

Per approfondire

Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...