NBA in lutto: è morto John Havlicek, leggenda dei Boston Celtics

Si è spenta a 79 anni nella sua casa in Florida: da tempo soffria del morbo di Parkinson. Otto titoli in sedici stagioni, tutte vissute con una sola maglia. Un'icona di questo sport
NBA in lutto: è morto John Havlicek, leggenda dei Boston Celtics

ROMA – L'NBA si ferma per rendere omaggio a una leggenda: John Havlicek. Il miglior marcatore di tutti i tempi dei Boston Celtics si è spento nella sua casa in Florida a 79 anni, da tempo soffiva del morbo di Parkinson. La notizia è stata diffusa proprio dalla franchigia del Massacchussets, con la quale Havlicek ha trascorso l’intera carriera: sedici stagioni e otto titoli NBA. 

SAN ANTONIO FORZA GARA 7

LEGGENDA – Tra gli anni ‘60 e ‘70, Havlicek ha dettato le regole del gioco. Non solo sul parquet, ma anche al di fuori dei palazzetti in cui giocava con i suoi Celtics. È stato, a detta di Jerry West (il playmaker stilizzato sul logo dell’NBA), l’ambasciatore di questo sport. Ogni partita dava il meglio di sé, ma non si limitava a questo. Era sempre presente, per i compagni di squadra, i tifosi e la stampa. Paul Pierce, secondo molti, ne è stato l’erede per carisma. "Havlicek è stato protagonista in alcuni dei momenti più iconici della storia della NBA", ha detto Adam Silver, il Commissioner della Lega, che aggiunge: “Era un amico meraviglioso che rappresentava il meglio di questo sport". 

GALLINARI TIENE A GALLA I CLIPPERS

CARRIERA – Solo Bill Russell e Sam Jones hanno vinto più titoli di Havlicek, tutti ovviamente con la maglia dei Boston Celtics. Il suo numero 17 è stato ritirato anni fa e torreggia al TD Garden. Nel tweet postato dalla franchigia si legge che Havlicek “era straordinariamente premuroso e generoso, era un campione in tutti i sensi”. Decideva le sfide con il suo tiro perfetto, senza mai esitare a prenderne uno decisivo, ma era anche uno strepitoso difensore: otto volte inserito nel miglior quintetto difensivo NBA. Per 13 volte è stato chiamato a giocare l’All-Star Game e con ancora oggi è il recordman dei Celtics per punti segnati, gare giocate e canestri realizzati con i Celtics. È secondo nella classifica degli assist e quinto in quella dei rimbalzi. Un’autentica leggenda. Nel 1974 è stato anche premiato come MVP delle Finals. Ovviamente è stato inserito nella Hall of Fame. Red Auerbach, storico capo allenatore di Boston disse: “Se avessi un figlio, se fosse come John, sarei l'uomo più felice del mondo". 

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti