Nba, Gobert chiede scusa: "Non sapevo di essere infetto"

Il giocatore degli Utah Jazz ha utilizzato i propri canali social per spiegare quanto accaduto: "Mi dispiace per le persone che avrei potuto mettere in pericolo"
Nba, Gobert chiede scusa: "Non sapevo di essere infetto"© EPA

NEW YORK (STATI UNITI) - È stato il primo caso in Nba di un giocatore positivo al coronavirus. Dopo essersi sottoposto al test, Rudy Gobert ha scoperto di essere stato contagiato. Da quel momento è arrivata la decisione di interrompere la stagione. Il centro degli Utah Jazz, tramite il proprio profilo Instagram, ha voluto chiedere scusa per il suo comportamento e per aver sottovalutato il problema: “Voglio ringraziare tutti per i messaggi di preoccupazione e supporto che ho ricevuto nelle ultime 24 ore. Ho provato così tante emozioni da quando ho appreso la mia diagnosi… principalmente paura, ansia e imbarazzo. La prima e più importante cosa è che vorrei scusarmi pubblicamente con le persone che avrei potuto mettere in pericolo. A quel tempo, non avevo idea di essere stato infettato. Ho sottovalutato la cosa e non ho scuse. Spero che la mia storia serva da avvertimento e induca tutti a prenderla sul serio. Farò tutto il possibile per utilizzare la mia esperienza come modo per educare gli altri nel prevenire la diffusione di questo virus. Sono seguito in maniera eccellente e mi riprenderò completamente. Grazie ancora per tutto il vostro supporto. Incoraggio tutti a prendere le misure necessarie per rimanere al sicuro. Love.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti