Caso Floyd, Rodman furioso: "Non siamo dei fott.. animali"

La leggenda dei Chicago Bulls lancia un appello su Instagram chiedendo di finirla con i saccheggi e gli atti vandalici scoppiati negli Stati Uniti

© AP

La leggenda dei Chicago Bulls e dei Detroit Pistons, Dennis Rodman, tramite un video caricato su Instagram ha voluto esporsi circa la morte di George Floyd, l'americano di colore ucciso da un agente di polizia che gli ha tenuto il ginocchio sul collo per più di otto minuti. Per Rodman "bisogna vivere insieme, siamo tutti essere umani e non dei fottuti animali", questo l'appello ai protestanti per terminare con i saccheggi e gli atti vandalici che sono scoppiati negli Stati Uniti, da Minneapolis ad Albuquerque, fino a Washington.

Morte di George Floyd, a Minneapolis devastazioni e incendi
Guarda la gallery
Morte di George Floyd, a Minneapolis devastazioni e incendi

Rodman sul caso George Floyd

"È una brutta situazione e penso che dovremmo capire tutti che esiste una nuova generazione", ha continuato Rodman. "Le persone della mia età quando hanno saputo della morte di Rodney King (afroamericano ucciso da agenti della polizia nel 1991, ndr) hanno cominciato a saccheggiare, ad appiccare incendi, a danneggiare le case, le imprese, cose del genere. Oggi abbiamo quest'altro caso di Floyd. Penso che qualcuno debba uscire e dire: "Ehi ragazzi, perché stiamo saccheggiando? Perché stiamo rubando? Perché stiamo creando più problemi? Andiamo al cuore di quello che sta realmente succedendo. Devi protestare nel modo giusto. Non devi andare a bruciare, rubare. Dobbiamo tenere le cose insieme. Abbiamo già abbastanza problemi con il virus Covid in questo momento. Ci sono proprietari di grandi aziende che hanno chiuso i negozi perché le persone stanno saccheggiando. Perché? Perché lo stiamo facendo? Perché ci facciamo di nuovo del male? Perché non aiutarsi a vicenda, tenersi per mano e cercare di risolvere il problema? Non abbiamo creato questo problema, ma sai, possiamo essere d'aiuto".

Da non perdere





Commenti