Corriere dello Sport

Serie A

Vedi Tutte
Serie A

Verso il campionato: Avellino

Verso il campionato: Avellino
© CIAMILLO

Dopo aver sfiorato la Coppa Italia e la finale-scudetto, la Sidigas vuole alzare l'asticella nell'annata del ritorno in Europa. Perso Nunnally, Sacripanti punta su Thomas e Randolph

Sullo stesso argomento

 

martedì 20 settembre 2016 11:40

ROMA - La finale-scudetto sfiorata e la finale di Coppa Italia persa. Da questi due obiettivi sfuggiti riparte la Sidigas Avellino, intenzionata a dare seguito ad una straordinaria seconda metà della scorsa stagione. Non c'è più l'MVP James Nunnally, ma il nucleo non è stato smantellato: il gm Nicola Alberani e Pino Sacripanti hanno costruito la squadra attorno alle conferme dell'idolo Marques Green, di Joe Ragland (capocannoniere del precampionato) e del play aggiunto Maarty Leunen. Garanzie per un'annata di vertice pure se i campani vivranno il doppio impegno campionato-FIBA Champions League, con il ritorno in Europa a otto anni dall’Eurolega. Un calendario intenso che inizia nel fine settimana con la Supercoppa.

MERCATO - Due per uno. Per sostituire Nunnally e Riccardo Cervi, Avellino non ha puntato su un singolo elemento, ma ha raddoppiato. L’incombenza di non far rimpiangere l'americano - volato al Fenerbahce - sarà suddivisa tra Adonis Thomas e Levi Randolph, entrambi al debutto in Europa. Ad aumentare la pericolosità dal perimetro sarà il rookie belga Retin Obasohan, compagno di Randolph già ad Alabama. Obasohan si è appena unito alla Sidigas dopo gli impegni con la nazionale. Per lo stesso motivo Kyrylo Fesenko è atteso soltanto oggi in città: l'ucraino ex Cantù dividerà i minuti lasciati da Cervi con l'azzurro Marco Cusin, che ritrova Sacripanti dopo l'esperienza di tre anni fa sempre a Cantù. A completare il pacchetto lunghi è un altro elemento nel giro azzurro, l'ex Brindisi Andrea Zerini.

PRECAMPIONATO - Nonostante le assenze dei nazionali e un organico chiuso in tempi lunghi, Avellino ha vinto sei gare su otto. Un bilancio lusinghiero, dato che la Sidigas si è confrontata due volte con Sassari e poi ha sfidato due big tedesche come Bayern Monaco e Telekom Bonn. L'ultima uscita è stata il +30 nel tradizionale Trofeo Vito Lepore, disputato contro Agropoli. In evidenza Joe Ragland, più volte oltre quota 20 punti, in una squadra che promette di avere più bocche da fuoco che stopper difensivi.

LA SQUADRA - 0 Andrea Zerini (ala-centro, 2.05), 1 Joe Ragland (play-guardia, 1.82), 4 Marques Green (play, 1.65), 8 Lorenzo Esposito (ala, 1.95), 10 Maarty Leunen (ala-centro, 2.06), 12 Marco Cusin (centro, 2.11), 19 Giovanni Severini (ala-guardia, 1.97), 20 Levi Randolph (ala-guardia, 1.96), 32 Retin Obasohan (guardia, 1.86), 44 Kyrylo Fesenko (centro, 2.16), 55 Adonis Thomas (ala, 2.04), 57 Salvatore Parlato (guardia, 1.96). Coach: Pino Sacripanti

Articoli correlati

Commenti