Spissu, il Malaga non concede idoneità sportiva. La Fip replica

Il playmaker azzurro non ha superato le visite mediche e viene rispedito al mittente dagli spagnoli. La Federazione Italiana: "Riteniamo l'atleta totalmente idoneo"
Spissu, il Malaga non concede idoneità sportiva. La Fip replica© CIAMILLO-CASTORIA
TagsspissuSassariMalaga

SASSARI - Marco Spissu è rientrato in Italia dopo che i medici dell'Unicaja Malaga non hanno ritenuto, dopo gli esami svolti, di rilasciare l'idoneità sportiva al playmaker azzurro. Ci sarebbe, secondo la società spagnola, "una osteoartrite precoce ai fianchi, nota come conflitto femoro-acetabolare, che rende sconsigliabile la sua firma". La Federazione Italiana Pallacanestro, che si è occupata assieme all'Istituto di Medicina dello Sport del CONI delle visite mediche pre-Olimpiche di tutti gli atleti a disposizione di Meo Sacchetti per Tokyo, è però di tutt'altra opinione, e ha provveduto immediatamente a stilare un comunicato stampa in merito.

Spissu saluta Sassari e firma per Malaga

Virtus Bologna, preso l'ex Pesaro Ceron

FIP: "Spissu completamente idoneo all'attività sportiva"

Si legge nella nota della FIP: "A seguito del comunicato diramato dal club spagnolo Baloncesto Malaga circa le condizioni fisiche del giocatore Marco Spissu e delle conseguenti notizie diffuse a mezzo stampa su questo tema, la Federazione Italiana Pallacanestro e lo stesso atleta precisano quanto segue: per partecipare ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 con la Nazionale di basket, Spissu, al pari di tutti gli altri atleti della delegazione italiana, ha ottenuto un certificato di idoneità alla pratica agonistica sportiva rilasciato dall’Istituto di Medicina dello Sport del CONI, massima entità nel settore per quanto attiene gli atleti olimpici e non solo". Prosegue la nota: "Da tale certificato, rilasciato a seguito di approfonditi esami effettuati prima della partenza per il Giappone, si evince che l’atleta fosse completamente guarito dall’infortunio occorsogli durante il torneo di Amburgo circa due settimane prima. A questo proposito si sottolinea che quanto riscontrato dallo staff medico di Malaga, poi confermato dallo staff medico sanitario Azzurro, non ha alcun rapporto di causalità con il trauma subìto dall’atleta in Germania. Per quanto specificato, dunque, e a seguito di tutti gli accertamenti effettuati durante l’estate, la Federazione Italiana Pallacanestro ritiene l’atleta Marco Spissu idoneo alla pratica sportiva agonistica", conclude la FIP.


		 			

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti