Corriere dello Sport

Calcio

Vedi Tutte
Calcio

Blatter lascia la carica nel Comitato olimpico

Blatter lascia la carica nel Comitato olimpico
© REUTERS

A Kuala Lumpur intanto sono stati eletti Lalovic e Ndiaye. La Grecia olimpica è orfana

 

lunedì 3 agosto 2015 08:15

KUALA LUMPUR - Lo svizzero Sepp Blatter, dopo la Fifa, ha deciso di lasciare anche il Comitato internazionale olimpico (Cio). Il numero uno del calcio mondiale, travolto dallo scandalo sulla corruzione dei vertici Fifa, il 23 luglio scorso ha fatto recapitare al presidente del Cio, Thomas Bach, una lettera in cui - di fatto - rassegna le dimissioni. Sarebbe decaduto in ogni caso il 31 dicembre 2016, ma ha voluto anticipare i tempi del proprio addio, rinunciando alla carica. Blatter ha scritto che non sarebbe partito per Kuala Lumpur (anche per evitare problemi legati a un possibile estradizione negli Stati Uniti, da dove è partita l'inchiesta che lo coinvolge), città nella quale oggi si conclude la 128ª Sessione del Cio. "Dal 26 febbraio prossimo non sarò più nel mondo olimpico e non parteciperò più ai lavori della Commissione olimpica", le parole di Blatter. Il 26 febbraio 2016 si svolgeranno le elezioni per il nuovo presidente della Fifa, dunque da quel momento Blatter non sarà più a tutti gli effetti un dirigente sportivo. Lo svizzero, dunque, non parteciperà nemmeno alla 129ª Sessione del Cio, in programma a Rio dei Janeiro nei giorni precedenti l'inizio delle Olimpiadi brasiliane, il 2, 3 e 4 agosto della prossimo anno.

I NUOVI MEMBRI - Nel meeting conclusivo della 128ª Sessione del Cio sono stati scelti i nuovi membri del Comitato internazionale olimpico (Cio) e ratificata la decadenza di alcuni di loro, come l'intramontabile russo Vitaly Smirmov, classe 1935, il più anziano in carica. Eletto nel 1971, già ministro dello Sport sovietico con Leonid Breznev, nonchè presidente del Comitato organizzatore dei Giochi a Mosca nel 1980 (quelli del boicottaggio dell'occidente). Dopo l'addio dello 'zar' Smirnov, il più anziano (di nomina, non sotto il profilo anagrafico) fra i membri Cio è diventato Dick Pound (Canada), seguito da Franco Carraro che, con Ottavio Cinquanta e Mario Pescante, forma il trio italiano in seno al Comitato olimpico. In questa sessione sono decaduti anche Lambis Nikolau, che lascia per la prima volta la Grecia orfana nel Cio, almeno fino alla Sessione di Rio de Janeiro (2, 3 e 4 agosto 2016); lo statunitense James Easton, sindaco del Villaggio olimpico a Los Angeles 1984; il messicano Olegario Vazquez Rana, presidente mondiale del tiro; il libanese Toni Khoury; l'uruguayano Julio Cesar Maglione, presidente mondiale del nuoto (Fina); Patrick Chamunda, presidente del Comitato olimpico zambiano; Andres Botero Philipsbourne, ministro dello Sport colombiano. Questi otto diventano comunque membri onorari del Cio. Importante conferma per lo spagnolo Josè Perurena, presidente mondiale della canoa, che rimarrà in carica altri quattro anni, e questo nonostante abbia già compiuto 70 anni, dunque di norma sarebbe dovuto decadere. Con queste decadenze, e con l'addio anticipato di Blatter, i membri del Cio scendono quindi a 93. Anche perché, oggi in Malesia, ne sono stati eletti due: Nenad Lalovic (Serbia), presidente mondiale della lotta, e Mamadou Diagna Ndiaye, presidente del Comitato olimpico senegalese, che proprio nei giorni scorsi aveva firmato a Roma un protocollo di cooperazione con il Coni. Giusto in tempo prima di entrare nel consesso olimpico a Kuala Lumpur.

Per Approfondire

Commenti