Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calcio

Vedi Tutte
Calcio

Football Leaks, Beckham nell'occhio del ciclone: «Ossessionato dai soldi»

Football Leaks, Beckham nell'occhio del ciclone: «Ossessionato dai soldi»
© REUTERS

L'ex Manchester United e Real Madrid avrebbe fatto di tutto nel corso della carriera per arricchirsi, addirittura a discapito dell'Unicef

Sullo stesso argomento

 

venerdì 3 febbraio 2017 20:05

ROMA - Dopo la bufera scatenata lo scorso dicembre, l'inchiesta Football Leaks torna a "colpire". A farne le spese questa volta potrebbe essere David Beckham: l'ex Manchester United e Real Madrid è infatti protagonista degli ultimi documenti pubblicati nell'ambito dell'inchiesta coordinata da numerose testate giornalistiche europee. Secondo quanto emerso, l'ex campione inglese avrebbe infatti una ossessione per il denaro, e avrebbe fatto di tutto nel corso della sua carriera per arricchirsi, addirittura a discapito dell'Unicef, organizzazione della quale è per di più ambasciatore.

CONTRO L'UNICEF - «Non ho voglia di versare i miei soldi per questa causa». Queste le parole che avrebbe scritto all'amico Simon Oliveira (direttore generale della Doyen), il quale gli avrebbe quindi consigliato di partecipare ad una cena di beneficenza in Congo, versando la somma che avrebbe guadagnato all'Unicef (un milione di euro circa). A questa proposta però lo Spice Boy avrebbe replicato addirittura: «Versare quel milione sul fondo sarebbe come versare soldi miei, perché se non ci fosse stato, quei fott**i soldi sarebbero stati miei». Per di più Beckham avrebbe chiesto un rimborso di 8.000€ per una missione Unicef in Cambogia: peccato che il viaggio in jet gli fosse stato offerto dagli sponsor.

SOGNI SPAZIALI - Altro punto dell'inchiesta pubblicata riguarda poi il sogno dell'ex calciatore di andare nello spazio: per consentirglielo, sarebbero necessari addirittura 35 milioni di dollari, che starebbe racimolando tramite la Doyen attraverso uno sponsor principale e diversi secondari. Tra questi ci sarebbero però delle personalità sicuramente poco raccomandabili per un ambasciatore dell'Unicef, come i dittatori Ali Bongo (Gabon), Ilham Aliyev (Azerbaijan) e Noursoultan Nazarbaiev (Kazakistan).

FOOTBALL LEAKS, REDDITO STELLARE PER RONALDO

CACCIA AL "TITOLO" - Non solo soldi però per lo Spice Boy, che oltre ad arricchirsi avrebbe puntato ad un altro obiettivo: il titolo nobiliare. Un'altra parte dell'inchiesta riguarderebbe infatti la ricerca "furiosa" del titolo di Sir: alcune sue mail indirizzate a Oliveira rendono l'idea dell'impazienza con cui Beckham attende on onoreficenza regale: «Katherine Jenkins nell'OBE (Ordine dell'Impero Britannico) per cosa? Cantare prima del rugby, andare a vedere le truppe e farsi una tirata di coca. E' un fott**o scherzo!», e ancora: «Chi decide sulle onoreficenze? Sono una massa di co****ni! Non mi aspettavo nient'altro. Onestamente è una vergogna e se fossi stato americano mi avrebbero consegnato un titolo qualcosa come 10 anni fa». Addirittura l'impegno nell'Unicef sarebbe finalizzato proprio a questo scopo, e non solo visto che Beckham appoggiò la campagna delo "Stay" nel referendum per l'indipendenza della Scozia del 2014, forse proprio al fine di imbonirsi qualcuno dell'"establishment".

FOOTBALL LEAKS, C'E' POGBA

Articoli correlati

Commenti