Calcio e sociale: l'impegno della Lega Pro

Anche in occasione della festa della mamma la Lega Pro assicura il suo impegno nella solidarietà. E scrive una lettera a una donna simbolo ai tempi del Covid.

ROMA - Si avvicina la festa delle mamme e la Lega Pro ha scritto ad una mamma speciale, la dottoressa Francesca Mangiatordi, medico dell'Ospedale Maggiore di Cremona, che scattò la foto, diventata poi virale, all'infermiera esausta dopo il turno di lavoro. «Abbiamo pensato di scrivere alla dottoressa Mangiatordi - spiega Francesco Ghirelli, presidente Lega Pro - che idealmente rappresenta tutte le donne e mamme che lavorano senza sosta per aiutare chi è malato.
Ci ha colpito con il racconto delle lunghe giornate in ospedale a Cremona e questo vuole essere il modo per ringraziare a nome della Lega Pro tutte coloro che sono impegnate a salvare vite».

La lettera della Lega Pro si apre con «Cara Francesca sei un'eroina di questi tempi. Sei esempio di coraggio e speranza per tutti noi. Grazie a te e a tutte le mamme e impegnate nella battaglia con il nemico subdolo e invisibile».
Si chiude con un segno di speranza: «Un giorno, torneremo ad abbracciarci. Bello sarebbe dedicarti il primo gol, quello della rinascita».

Commenti