Calcio
0

Covid, quelli che senza ripartenza possono perdere il lavoro

Covid, quelli che senza ripartenza possono perdere il lavoro
© Getty Images

Ci sono un medico, quattro fisioterapisti, un magazziniere, una steward e il custode di un campo di periferia che… no, non è l’incipit di una barzelletta, magari lo fosse: è, purtroppo, l’inizio di più drammi personali da evitare.

Da settimane ricordiamo che il calcio professionistico garantisce uno stipendio a oltre 56mila uomini e donne, oggi abbiamo voluto dare un volto a quei lavoratori raccontando cinque storie legate da un unico filo, cinque esistenze che dal calcio dipendono e per le quali è giusto ripartire.

Il primo è Riccardo Saporiti, ex Samp, medico sociale dell’Entella, serie B: uscito dalla quarantena, è andato nel Basso Piemonte a curare i malati, oggi è diviso tra la voglia di tornare con la squadra e il timore di perdere il posto. Preoccupazione che condivide con il magazziniere del Frosinone, particolarmente amato dai calciatori allenati da Nesta, una presenza familiare. Figure altrettanto importanti sono i fisioterapisti del Parma - Balotta, Toma, Soda e Benecchi -, pronti a lanciare insieme un messaggio di fiducia e coraggio.

Colpisce la storia di Orietta Loddi, decana dell’Olimpico, tra le prime a svolgere il ruolo di steward. Infine Cristiano, custode di un campo della periferia di Roma dove gioca il Savio, società che si occupa prevalentemente di calcio giovanile: romeno, da quindici anni vede crescere ragazzi, speranze, illusioni, passioni. Ha un contratto regolare, è senza casa.

Anche questo è il calcio, un insieme di vite dentro il grande romanzo dei campioni. Ecco allora la ripartenza come necessità, l’importanza di tornare a far girare il pallone e circolare il denaro che a fine mese non significa milioni, ma poco più di mille euro. Abbiamo segnalato storie minime perché, se ho ben capito, già incombe il disegno di un futuro a dir poco apocalittico nel quale si perderebbero subito i piccoli sentimenti, quelli umani, sostituiti dall’egoismo così ben raccontato dalla fantascienza: un regno della Mente e della Forza. Quello che c’è da fare, facciamolo subito. Dopo il passaggio doloroso di virologi, epidemiologi e tuttologi è il momento – ve ne siete accorti? - dei futurologi e non ce n’è uno allegro, tutte cassandre forse sollecitate dall’astronauta che già a novembre sapeva del coronavirus, come la mezza dozzina di Nostradamus a piede libero capeggiati da un insolito Frate Indovino, Massimo Cacciari.

È invece ora di sentirsi bene, liberi, rasserenati, positivi, pronti a ripercorrere antiche e nuove strade con un sentimento che riduca le distanze sociali, la solidarietà. Dicono che sia il massimo, il traguardo più ambito per gli uomini di sport.

Serie A, la nuova ipotesi: prima i recuperi, poi il via completo

Tutte le notizie di Calcio

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

Calciomercato in Diretta