Juve-Milan riaccende l'Italia

Juve-Milan riaccende l'Italia© Juventus FC via Getty Images
Ivan Zazzaroni

Stasera torniamo al calcio al presente, all’inedito. Anche televisivamente. Addio repliche omeopatiche del ’98, del 2006, del 2010. Addio Milan-Juve 2013, Inter-Roma 2016, Lazio-Inter 2000. Di nuovo al loro posto, nell’archivio della memoria, i 307 gol di Totti con la maglia della Roma, i 100 di Dzeko, le perle di Higuaìn, quelle di Ronaldo e Van Basten, i capolavori di Raffaello Baggio e Pinturicchio Del Piero. Negli ultimi tre mesi le tante madeleine calcistiche non sono servite a farci tornare ragazzi, tutt’altro: alla prima fase della nostalgia è infatti subentrata la seconda, quella dell’amarezza e del crollo nervoso da assenza prolungata. Da vuoto.

Novantasei giorni dopo Juve-Inter a porte chiuse il grande calcio riaccende l’Italia. Fine della passione sospesa: la vita è apertura, anche se condizionata. Giusto ricominciare dalla Coppa Italia e dall’assegnazione di un titolo, il primo della stagione: milioni di telespettatori dovranno adattarsi a un calcio provvisorio. Un calcio essenziale nel quale, almeno per qualche settimana, il campo sarà solo e tutto. Qualcuno storcerà il naso, ce ne faremo e se ne farà una ragione. Altri parleranno o scriveranno di campionato falsato, falsato come il loro cervello, irregolare come la vita che conduciamo: l’alternativa, il calcio umiliato. Noi diciamo grazie a Gravina e Dal Pino, il vecchio e il nuovo, il loro reciproco scoprirsi e capirsi ha prodotto il miracolo.

La Grande Crisi ha lasciato segni profondi nelle tasche e nell’umore degli italiani. Ne usciamo turbati, ben più del previsto, e peggiorati, abbiamo temuto l’angoscia del troppo tardi. Non eravamo preparati a nulla. In questi tre mesi abbiamo assistito alla sagra delle umane debolezze, delle bugie, delle minacce, dell’arroganza; abbiamo scoperto il vero volto di personaggi che credevamo seri, onesti, sportivi. Una parte del calcio ha dato una pessima immagine di sé; nessun protocollo prevede il controllo elettronico della dignità.

Eppure... Ho dimenticato, mentre riepilogavo il Festival del déjà-vu, l’ultima ondata di ratatouille nostalgica, indigesta la sua parte, se liberata dagli impicci giovanili che fanno sembrare tutto bello, tutto meglio: trent’anni fa, oh il Mondiale delle Notti Magiche! Cinquant’anni fa, oh il sublime Italia- Germania 4 a 3! Inni e gol del tempo perduto, basta non approfondire, basta evitare di riportare in primo piano quegli eroi - pochi - e quei cialtroni - tanti - che vorrebbero farlo passare come un altro calcio, un’altra storia.

Fermiamoci al presente, che storico lo è davvero. Non tanto e non solo per la Coppa Italia, per Juventus-Milan e Napoli-Inter che accogliamo con piacere, ma per il racconto che se ne farà fra trenta o cinquant’anni camuffando la verità perché - sapete? - c’era la peste.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti