Fabio Cannavaro esclusivo: "Juve-Napoli? Gattuso merita un trofeo"

In carriera ha indossato l’azzurro e il bianconero. Conosce benissimo entrambe le squadre
Fabio Cannavaro© AP
Antonio Giordano

Sarà una notte lunga e tormentata, ma andrà vissuta sgranando gli occhi su quel mondo ch’è suo più di chiunque altro: e quando suonerà la sveglia e saranno le tre e Canton ancora (e giustamente) si troverà immersa nel sonno, Fabio Cannavaro si accomoderà in poltrona, bloccherà la sveglia e resterà lì a guardare se stesso, le sue 68 partite con il Napoli, le 128 con la Juventus, il profilo de «la Loggetta», quello della Mole Antonelliana, un universo che gli è appartenuto e che non si perderà nelle ombre cinesi. Il calcio è ricomparso, in Italia, mentre in Cina ondeggia nell’oscurità, lasciando che il football resti appesi ad un filo: l’ultima volta che il Guangzhou Evergrande è sceso ufficialmente in campo, sa di ricordo gioioso e però sbiadito. Era il 2 dicembre e fu una festa, per quel titolo che Cannavaro ora vorrebbe difendere, ma non si sa dove e non si quando. Poi sono state amichevoli, una dietro l’altra, e una vaghezza che stordisce, con gli effetti postumi di una pandemia che ha lasciato il segno: hanno poggiato il pallone a bordo campo, confuso tra date e formule misteriose. E intanto, nell’attesa, ci sono ancora calciatori - due brasiliani - che devono rientrare e segnali di ripresa che non s’avvertono.

Napoli-Juve: la probabile formazione di Gattuso
Guarda la gallery
Napoli-Juve: la probabile formazione di Gattuso

Napoli-Juventus è un boccata di calcio che Fabio Cannavaro insegue, con quella voracità che gli è rimasta dentro: perché un Pallone d’oro (e un Mondiale e gli scudetti e le coppe e quattordici trofei) non l’hanno ancora saziato. «Io vivo in una realtà straordinaria, di cui forse non si ha percezione altrove. E allenare mi piace. Aspettiamo che la Federazione si esprima e dìa il via libera. C’è stata una iniziale proposta di istituire due gironi da otto squadre, con mini-tornei da giocare a Guangzhou e a Shangai. Poi, con i nuovi casi di virus a Pechino, non abbiamo registrato evoluzioni: c’è chi dice che si comincerà a luglio, ma se non arriveranno decisioni non restiamo nella incertezza. E intanto tengo sulla corda questi ragazzi che per me sono speciali, perché non è semplice prepararsi senza avere una scadenza dinnanzi». Sul tavolo, ci sono i segreti del suo Guangzhou, le tabelle per la preparazione, le innovazioni tattiche da apportare: in Italia è pieno pomeriggio, ma in Cina non si dorme e si aspetta il 17 giugno, quando Fabio Cannavaro si proietterà in se stesso, vivendo ciò che confessa ora in esclusiva al Corriere dello Sport-Stadio. «Una finale è un’emozione, sempre. Peccato non ci sia il pubblico, il calcio è per loro. Ma spero che passi presto, che si possa riaprire, che torni completamente la normalità».

Napoli-Juve, la probabile formazione di Sarri
Guarda la gallery
Napoli-Juve, la probabile formazione di Sarri

Napoli-Juventus è la sua finale, Fabio.

«Le finali sono di chi le conquista e dunque appartengono ai club, agli allenatori, ai calciatori. Io la vivo con partecipazione, ovviamente, ed è anche superfluo sottolinearne i motivi».

Facciamo subito una domanda carogna: per chi tifa?

«Non ho più l’età per tifare: però è chiaro che se c’è la squadra della mia città in campo ed il suo allenatore è Gattuso, allora non posso che aver piacere che a vincere siano loro. Anche perché penso che Rino meriti la soddisfazione di godersi un trofeo».

Ne avete vissute di serata insieme e ricordare Berlino 2006 è scontato ma doveroso. Ma è un momento particolare adesso per lui.

«Siamo amici e posso immaginare quanto stia soffrendo: il dolore lacera ma lui è forte, ha carattere. L’ha dimostrato sempre, da calciatore e anche ora da allenatore».

Gattuso e Sarri visti da Cannavaro.

«Sono uomini che hanno storie diverse. E sono imparagonabili. Appartengono a generazioni distanti e anche con idee differenti. Ma sono bravissimi entrambi nel portare avanti le proprie filosofie. Io non ho capito perché mai il Milan non abbia confermato Rino: ha dimostrato conoscenze, esperienza, serietà e sensibilità».

Leggi l'intervista integrale sull'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio

Cannavaro: "Gravina è una persona eccezionale"
Guarda il video
Cannavaro: "Gravina è una persona eccezionale"

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti