Calcio
0

Albertini: "Coronavirus? Prendiamolo in contropiede. Lo sport è speranza"

Il presidente del Settore tecnico della FIGC è intervenuto nel talk online promosso dall’Università Cattolica, parlando del difficile periodo appena trascorso e di come ripartire

Albertini:

MILANO - "Prendere il Coronavirus in contropiede". È la metafora calcistica con cui Demetrio Albertini, presidente del Settore tecnico della Federazione italiana giuoco calcio (Figc) e regista di Milan e nazionale, legge il momento che attraversa lo sport, soprattutto quello di base, nel nostro Paese. Albertini, nel talk online promosso dall’Università Cattolica nell’ambito dell’Open Week Master e Postlaurea, ha parlato, tra l’altro, del blocco subito dalle attività di formazione dei preparatori atletici promossi dalla Federazione, spiegando come nella fase della chiusura totale sia stato dato spazio alla formazione teorica, parlando di competizione, confronto, preparazione e gestione di vittorie e sconfitte. Per poi lasciare al momento della riapertura la formazione pratica sul campo.

Albertini: "Parte una nuova era. La Serie A sarà come un Mondiale"

Coronavirus, le parole di Albertini

"La speranza lo sport la insegna tantissimo - ha detto il campione -. Da giocatore ho sempre fatto il regista e ora, come presidente, devo avere come allora una visione a 360°: essere cosciente di avere qualcosa da difendere (la propria porta) ma poi trovare la tattica giusta (fiducia e speranza) per andare a fare goal, sfruttando le caratteristiche dei compagni per fare il contrattacco. Siamo molto bravi a farlo come Paese" ha suggerito, indicando come superare la fase difficile che abbiamo attraversato, cercando di essere ottimisti sul futuro prossimo del calcio italiano.

Albertini sulla differenza tra il calcio di una volta e quello di oggi

Il presidente del settore tecnico della Figc, sollecitato dalle domande relative ai master promossi dall’Università Cattolica, ha parlato anche di comunicazione sportiva. Da intendersi in primo luogo come comunicazione interna. "È fondamentale sia per chi allena che per chi gioca: non tutti sanno comunicare ma conta di più la parte psicologica che quella tecnica per gestire un gruppo di 25 giovani". Rispetto agli anni in cui ha calcato i campi di serie A oggi "la cosa diversa sono i social. I media sono un business e ogni giocatore è un produttore di contenuti: una volta valeva solo quello che facevi in campo, oggi conta molto se sei un personaggio. Nel bene e nel male è difficile gestire questa novità. Al di là del ruolo degli sponsor, c’è la possibilità di essere molto trasversali nella comunicazione della squadra, valorizzando l’atleta e il marchio. In Italia invece non siamo all’altezza della gestione di società che sono amministrate ancora in modo monocratico, valorizzando poco l’asset manageriale e aziendale attraverso i media".

Albertini: "Gli obbiettivi del Settore Tecnico sono Educazione e Formazione"

Tutte le notizie di Calcio

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

Calciomercato in Diretta