Calcio
0

L'allungo di Stroppa, Nesta, Ventura e la lunga lotta per la A

Il Crotone passa anche a Cittadella e blinda il secondo posto. Solo Italiano (lo Spezia travolge il Cosenza) e Tesser (il Pordenone la spunta contro un Pisa sprecone) tengono il passo della compagine calabrese. La Salernitana rischia di essere travolta ad Ascoli da Trotta, poi tenta una disperata rimonta e sfiora il pari con Djuric in un concitato finale. Ma Dionigi vince ed è da salvezza. Il Frosinone cade a Empoli in dieci uomini ma recrimina per due rigori non dati. Il Livorno saluta la B con un altro ko: Bisoli vince a tempo scaduto

L'allungo di Stroppa, Nesta, Ventura e la lunga lotta per la A
© LAPRESSE

CHE BAGARRE PER LA A - Tutti assieme appassionatamente. E poco importa se la notizia che arriva da una nuova palpitante notte di B è un'altra: il Benevento non vince più. Anzi, balla contro il Venezia prima di prendersi un pari che basta e avanza a una squadra che ha già dato il meglio di se e, comprensibilmente, si rassegna alle calure estive dopo aver dominato ogni sorta di avversario conquistando anzitempo la Serie A. Ha ragione, tuttavia, Inzaghi: cosa rimproverare a questa Strega dei miracoli che ha sbriciolato tanti record da lasciare un segno indelebile sulla storia del campionato? Nulla. Solo applausi, dunque, anche per un pari, in attesa di vederla protagonista in A.

A TUTTO CROTONE - Dove ha messo lo sguardo il Crotone di Giovannino Stroppa. Le prodezze di Messias (doppietta) e Simy, complici le disattenzioni difensive del Cittadella, lanciano i calabresi verso la promozione diretta che, per l’energia e la personalità viste al “Tombolato”, è un traguardo meritato. Già, il merito, un criterio sempre infallibile per avvicinarsi alla verità e valido pure per gli ambiziosi pitagorici. Alle spalle, un indomabile Tesser riesce a tenere il passo della 2ª forza del torneo. Ma per battere il Pisa il Pordenone deve dire grazie a qualche imprecisione imperdonabile dei toscani incapaci di cogliere il pari.

MARINO GODE, NESTA STRILLA - Non sbaglia, invece, Marino contro la sua ex squadra. Nesta si piega a Empoli dopo aver visto il Frosinone orgogliosamente in partita sino al rigore che sigilla il match. E così, con la Salernitana battuta da Dionigi ad Ascoli eppure vicina al pari nel finale e col Chievo ripreso dal Trapani di Castori, è lo Spezia di Italiano l’altra antagonista a fare festa. Cosenza strapazzato e B lontana. La saluta il Livorno che si arrende a Bisoli a tempo scaduto.
©Riproduzione riservata

Tutte le notizie di Calcio

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

Calciomercato in Diretta