Paolo Rossi, Trapattoni: "I giocatori non dovrebbero andarsene prima degli allenatori"

Il Trap ha affidato a Twitter il suo saluto a Pablito. I due sono stati grandi protagonisti dei successi della Juve degli anni Ottanta
Paolo Rossi, Trapattoni: "I giocatori non dovrebbero andarsene prima degli allenatori"
TagsPaolo RossiTrapattonijuve

ROMA - La notizia della morte di Paolo Rossi ha scosso l'Italia del calcio e non solo. Il nostro Paese si è risvegliato con la tragica notizia della scomparsa di Pablito, l'eroe del Mundial '82 in Spagna, che ci ha lasciati a soli 64 anni. Un dolore immenso e un vuoto incolmabile quello lasciato da uno dei più grandi protagonisti del calcio degli anni Settanta e Ottanta.

Paolo Rossi, dall'esplosione al Vicenza alla Juve: addio all'eroe del Mundial '82
Guarda la gallery
Paolo Rossi, dall'esplosione al Vicenza alla Juve: addio all'eroe del Mundial '82

Paolo Rossi, l'ultimo saluto del Trap

Giovanni Trapattoni, ex allenatore della Juve, l'unico "conosciuto" dall'ex attaccante di Prato nella sua seconda avventura in bianconero (la prima dal 1973 al 1975 senza mai scendere in campo ndr) e col quale ha regalato ai tifosi della Vecchia Signora tanti trofei impreziosendo la bacheca del club con la Coppa dei Campioni, la Coppa delle Coppe e laSupercoppa Europea, oltre a due Scudetti e una Coppa Italia, ha affidato a Twitter il proprio messaggio di cordoglio: "Ciao Paolo... I giocatori non dovrebbero andarsene prima degli allenatori". L'account ufficiale della Juve ha poi ritwittato il messaggio del Trap, con un cuore nello spazio dedicato alle didascalie.

Dopo Maradona anche Paolo Rossi, l'addio sui social a Pablito

Immobile disse: “Somiglio a Paolo Rossi”

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti