Plusvalenze fittizie, Figc respinge il ricorso della Procura Federale

La Corte che ha dichiarato improcedibili i ricorsi presentati dalle società Sampdoria, Parma ed Empoli
Plusvalenze fittizie, Figc respinge il ricorso della Procura Federale© ANSA
1 min

Il processo di secondo grado sul caso delle plusvalenze fittizie si è concluso con il ricorso della Procura Federale respinto dalla Corte d'appello della Figc e con la Corte che ha dichiarato improcedibili i ricorsi presentati dalle società Sampdoria, Parma ed Empoli. In primo grado erano stati prosciolti undici club - tra cui Juventus, Genoa, Sampdoria, Empoli e Napoli, e 59 dirigenti da parte del Tribunale nazionale federale, ma dopo la pubblicazione delle motivazioni la Procura federale, diretta da Giuseppe Chinè, aveva presentato ricorso alla Corte sportiva d'appello. La tesi difensiva di tutti i club e dei dirigenti accusati, accolta in giudizio, sostiene che sia impossibile determinare con esattezza il valore di un calciatore nel momento di una trattativa privata tra due parti.

Caso Plusvalenze, ecco le motivazioni della sentenza
Guarda il video
Caso Plusvalenze, ecco le motivazioni della sentenza

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti