“Il calcio che l’Italia si merita”, tutte le parole dei protagonisti

Un forum per fare il punto sulla crisi finanziaria e di risultati che affligge l’economia sportiva più importante del Paese e individuare le strategie per il rilancio
“Il calcio che l’Italia si merita”, tutte le parole dei protagonisti
6 min
TagsForumcorriere dello sport

ROMA - Per fare il punto sulla crisi finanziaria e di risultati che affligge l’economia sportiva più importante del Paese e individuare le strategie per il rilancio, il Corriere dello Sport ha organizzato un confronto tra i protagonisti e i più autorevoli uomini di sport. Il forum si chiama “Il calcio che l’Italia si merita” e vedrà la partecipazione di Giovanni Malagò, presidente del Coni, Gabriele Gravina, presidente della Figc, Lorenzo Casini, presidente della Lega di A, Mauro Balata presidente della Lega di B, Roberto Mancini, CT della Nazionale Italiana, Milena Bertolini, CT della Nazionale femminile Italiana, Demetrio Albertini, Presidente del Settore Tecnico della FIGC, Maurizio Arrivabene, Amministratore delegato della Juventus FCLuigi De Laurentiis, Presidente SSC BARI, Fabio Capello e molti altri.

Tutti gli interventi

12:40 - Il forum si conclude con l'intervento del ct Roberto Mancini: "Io l'ho presa 4 anni fa l'Italia e la situazione era più o meno la stessa. Speravo venissero fuori tanti calciatori, ma la situazione è sempre uguale, perché i giovani bravi fanno fatica a giocare. Pressapoco siamo sempre gli stessi. E poi penso che gli allenatori non debbano essere esonerati alle prime sconfitte, serve più fiducia come ha fatto il Milan con Pioli, che sembrava a un passo dall'esonero e ora sta lottando per vincere lo Scudetto. In questa situazione possono mettersi nelle condizioni di far giocare anche i più giovani senza correre rischi. Poi, come è stato detto da Gravina, bisogna ricominciare a fare come tanti anni fa. I giocatori di interesse nazionale andavano a Coverciano e si facevano uno o due giorni lì per farsi conoscere. Se ci sarà data la possibilità lo faremo. Poi il calcio è fatto anche di sconfitte, ma essere scesi al 32% di giocatori italiani è veramente limitativo per tutte le nazionali. Abbiamo sempre avuto grandissimi giocatori, anche eccessivi a volte, tanto che alcuni restavano fuori dai convocati. Adesso siamo a un limite bassissimo e dobbiamo fare assolutamente qualcosa. Se dovessi chiedere una cosa quale chiederei? Di avere più possibilità di conoscere i ragazzi e fare degli stage. Nel momento in cui chiamo un ragazzo giovane, di qualità, magari non pronto, che si allena in Nazionale A, questo lo aiuta. Come è successo con Zaniolo, sembrava un bambino la prima volta che è arrivato, dopo un paio di mesi era cambiato tutto. E poi chiedo che venga data la possibilità di giocare a questi ragazzi. Non c'è un'altra alternativa a questo. Siamo veramenti pochi. Playoff, Var e tempo effettivo? Io credo che quando ci sono delle novità si può provare e vedere se sono cose in grado di migliorare o meno il calcio. L'Italia? Al di là della terrificante eliminazione, a volte accadono cose impensabili. Noi non meritavamo di uscire, ma dobbiamo guardare avanti per ripartire. Come abbiamo fatto 4 anni fa, lo faremo anche adesso".

Mancini, le convocazioni e il futuro della Nazionale
Guarda il video
Mancini, le convocazioni e il futuro della Nazionale

12:34 - Mauro Balata, presidente della Serie B, è intervenuto nella discussione: "Il Var è stata un'innovazione epocale, garantisce regolarità e trasparenza. Sono favorevole anche al Var a chiamata. Noi siamo contrari però alle seconde squadre e riteniamo che un calcio giovanile di livello esista e che questo sia proprio il campionato di Serie B. Lo dicono i numeri. Credo che questo modello non debba essere disperso, perché si è affermato. Abbiamo avuto tante società che hanno fatto fare minuti importanti a molti giocatori, che probabilmente se non avessero fatto esperienza da noi sarebbero rimasti dispersi in tribuna. Poi ci sono anche ragioni giuridiche, perché le seconde squadre non potrebbero concorrere per la vittoria o per i playoff, ciò renderebbe irregolare la competizione. Infine ci sono questioni sociali, perché rischiamo di perdere tanti asset del calcio di altissimo livello del nostro Paese. La formazione è un conto, la valorizzazione è un altro. E questa avviene in Serie B oggi".

Forum Calcio, le parole di Mauro Balata
Guarda il video
Forum Calcio, le parole di Mauro Balata

12:29 - Milena Bertolini ha ripreso parola: "Il calcio femminile chiede ciò che è giusto, finalmente con il professionismo si avvia questo percorso che può fare molto bene al calcio in generale. Si va verso una società civile e democratrica. La sostenibilità non credo sia un problema se c'è un progetto. Se la visione è a lungo termine, allora si può avere qualcosa di importante. La dimostrazione lo è il Barcellona femminile: ha investito per 10 anni e adesso raggiunge risultati incredibili. Per quanto riguarda gli altri temi, al centro di tutto va messo il gioco. Il calcio per attirare deve essere bello: per poter fare questo dobbiamo formare giocatori propositivi, non reattivi. Per nostra cultura reagiamo agli altri, lavoriamo in funzione dell'avversario. Le cose stanno cambiando, lo dimostra l'Italia di Roberto Mancini. Ci sono allenatori giovani che stanno portando idee nuove e che vanno sostenuti. Se il nostro riferimento è solo vincere o perdere, allora non andiamo tanto avanti. Dobbiamo prendere consapevolezza che si possa sbagliare. Per quanto riguarda i giovani, prima bisogna mettere dentro dei contenuti, formarli e fare esperienza. Poi potranno tirare fuori tutto il bagaglio che hanno dentro. Lo stesso vale per gli allenatori, perché se perdono e vengono subito esonerati, allora di conseguenza rischiano anche meno".

Forum Calcio, le parole di Milena Bertolini
Guarda il video
Forum Calcio, le parole di Milena Bertolini

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti