Infantino: «Il calcio deve essere più globale»

Il presidente della Fifa ha parlato al corso per dirigenti organizzato proprio dal governo del calcio mondiale: "Dobbiamo lavorare perché in futuro 50 club siano in grado di vincere il Mondiale per Club: 20 di questi club saranno europei, ma gli altri 30 devono provenire dagli altri cinque continenti".
Infantino: «Il calcio deve essere più globale»© EPA
3 min
Andrea Ramazzotti
TagsFifaInfantino

MILANO -  Il presidente della Fifa, Gianni Infantino, è intervenuto in video durante la sessione di New York del Fifa Diploma in Club Management, corso al quale hanno partecipato dirigenti di tutto il mondo e i grandi del calcio come Carli Lloyd, Tim Cahill, Fernandinho, John Terry e Juan Mata. "I club devono raggiungere standard sempre migliori - ha detto il numero uno del calcio mondiale - perché è vero che c'è un divario tra alcuni Paesi in Europa - non tutta l'Europa, ma alcuni Paesi - e il resto del mondo. Per questo sono felice che voi rappresentiate il mondo intero. Quello che dobbiamo fare è colmare il divario, non abbassando gli standard dei grandi club europei, perché anche loro devono continuare a crescere, ma anche il resto del mondo deve crescere e garantire un mondo del calcio più competitivo". Il presidente della FIFA ha dichiarato che è fondamentale che gli amministratori dei club siano consapevoli di questioni come i calendari, le competizioni, la formazione dei talenti e le norme sui trasferimenti, e che abbiano una comprensione del calcio globale. "È importante che tutti i soggetti coinvolti comprendano gli interessi del mondo e il loro feedback rendere il calcio veramente globale".

PIU' CLUB DA MONDIALE - Infantino 
ha ribadito di voler lavorare per un futuro in cui almeno 50 club di tutto il mondo siano abbastanza forti da vincere un'eventuale Coppa del Mondo per Club: "Magari 20 di questi club saranno europei, e questo va bene, ma gli altri 30 devono provenire dagli altri cinque continenti. Se ciò accadrà, sarà fantastico". Una delle tante attrattive del corso è l'alto profilo sia dei relatori, che includono dirigenti di alto livello provenienti da tutto il mondo, sia dei partecipanti, tra cui alcuni giocatori attivi ed ex giocatori che riceveranno gli strumenti e le conoscenze necessarie per gestire un club calcistico di successo. Tra questi, Tim Cahill, che ha segnato per l'Australia in tre Coppe del Mondo, e Fernandinho, i cui numerosi riconoscimenti includono undici campionati nazionali vinti in Ucraina e in Inghilterra. Il brasiliano ha spiegato: "Sono molto entusiasta di concludere questo corso, di imparare sempre di più e di poterlo mettere in pratica in futuro quando sarò un ex giocatore. Come ha detto Infantino, dobbiamo cercare di rendere il calcio ancora più globale".


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti