La figlia di Bruno Beatrice: “Mio padre ucciso dai raggi X, non servono luminari”

Dopo i timori espressi da Dino Baggio, Brambati e Radociou sulle conseguenze dell'assunzione di determinate sostanze in attività, arriva la sconvolgente testimonianza della primogenita dell'ex calciatore della Fiorentina
3 min
TagsBeatriceFiorentinaDoping

FIRENZE - La tragica scomparsa di Gianluca Vialli sembra aver scoperchiato un qualcosa, che in questi giorni sta emergendo prepotentemente. Prima le dichiarazioni di Dino Baggio, che ha confessato di temere un legame tra sostanze assunte dai calciatori in attività e le malattie palesatesi successivamente, poi le drammatiche esternazioni di Brambati e di Radocioiu. Fino ad affondare ancor più indietro nella memoria, come testimoniato da Claudia Beatrice ai microfoni della Rai.

Chelsea, omaggio da brividi a Vialli: tifosi in pellegrinaggio e coreografia a Stamford Bridge
Guarda la gallery
Chelsea, omaggio da brividi a Vialli: tifosi in pellegrinaggio e coreografia a Stamford Bridge

Claudia Beatrice: "Raggi X per la pubalgia, così è morto mio padre"

La primogenita di Bruno Beatrice, ex calciatore della Fiorentina negli anni Settanta, scomparso a soli 39 anni a causa di una leucemia, ricorda: "Anche se l'inchiesta penale sul caso di nostro padre fu archiviata - dice ai microfoni di RaiNews 24 -  ci sono stati altri giocatori di quella squadra deceduti dopo aver contratto malattie importanti. Mio padre si sottopose a una lunga terapia di raggi X per guarire dalla pubalgia, con sedute che duravano dai 30 ai 45 minuti, cui si sottoponeva a giorni alterni. Calcolando l'esposizione per la frattura a un dito o una gamba, non servono luminari per arrivare alla conclusione".

Il racconto 

"La cura durò tre mesi – il racconto della figlia di Beatrice – i medici non gli avevano detto della pericolosità della malattia, altrimenti sarebbe stato un deficiente a sottoporsi ad una terapia così rischiosa. Nei trattati di medicina c'era scritto che un trattamento con i raggi X avrebbe potuto portare dopo una decina d'anni alla leucemia. L'inchiesta penale è stata archiviata, la causa civile è ancora aperta, ci sono delle novità di cui non posso parlare. Sulle altre morti non saprei cosa dire. Di certo ci sono stati altri giocatori di quella squadra che hanno contratto malattie importanti e sono deceduti".

Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti