Corriere dello Sport

Calcio Estero

Vedi Tutte
Calcio Estero

Un pugile cerca vendetta e filma la caccia all'uomo: paura per Bailey del Leverkusen

Un pugile cerca vendetta e filma la caccia all'uomo: paura per Bailey del Leverkusen
© Bongarts/Getty Images

Teso faccia a faccia con Tanriseven per il 19enne esterno del Bayer, che sui social aveva definito «pagliaccio» il boxeur. Il video su Facebook

Sullo stesso argomento

 

martedì 4 aprile 2017 14:15

GENK (BELGIO) - Brutta disavventura per Leon Bailey, 19enne attaccante giamaicano del Bayer Leverkusen che ha dovuto affrontare faccia a faccia l'arrabbiatissimo pugile professionista Atif Tanriseven Ribera a caccia di vendetta. Il confronto a Genk, dove l'esterno giocava fino a gennaio prima di approdare in prestito nel club tedesco ed è tornato approfittando della mancata convocazione per la partita contro il Wolfsburg.

Ed è proprio nella cittadina belga - evidentemente avvisato da qualcuno della sua presenza - che Tanriseven è andato a cercare Bailey, reo di averlo in passato definito come un 'pagliaccio' su un video registrato durante i suoi allenamenti in palestra e poi pubblicato su Snapchat. Una 'caccia all'uomo' premeditata, come dimostra il video pubblicato sul proprio profilo Facebook dal pugile («Dove sta?», continua a ripetere mentre cammina), e terminata solo una volta scovato il rivale seduto al tavolo di un bar insieme ad alcuni amici. E a quel punto la situazione si è fatta tesa, per fortuna senza conseguenze: «Sei Leon Bailey? Perché mi hai registrato su Snapchat? Cancella il video e registrane un altro di scuse - è stata l'aggressiva intimidazione di Tanriseven -. Io sono un pugile professionista e non puoi chiamarmi 'pagliaccio', tu sei un calciatore e io ti spacco la faccia». La situazione è poi pian piano tornata alla calma: «Sei uno sportivo e dovresti rispettare gli altri», ha poi proseguito il 'boxeur' a cui Bailey ha chiesto se volesse «diventare famoso grazie a me». «Lo sono già abbastanza», la definitiva replica del pugile prima della fine del video. E in mancanza del ko ora toccherà ai navigatori del Web il compito di scrivere un verdetto e assegnare la vittoria ai punti.

 

Articoli correlati

Commenti