Corriere dello Sport

Calcio Estero

Vedi Tutte
Calcio Estero

Un po' d'Italia al Khalifa International Stadium

Un po' d'Italia al Khalifa International Stadium

L'azienda Zucchetti ha verificato tutto il sistema di controllo accessi del pubblico in occasione della finale di Emir Cup 2017. Il software è lo stesso utilizzato all'Olimpico di Roma e in tanti altri impianti.

Sullo stesso argomento

 Andrea Ramazzotti

mercoledì 24 maggio 2017 02:01

MILANO - C’è anche un po’ d’Italia al nuovissimo Khalifa International Stadium di Doha, uno degli impianti che ospiterà i Mondiali del 2022. Zucchetti, azienda lombarda specializzata nei sistemi di controllo accessi per stadi e strutture sportive, ha verificato tutto il sistema di controllo accessi del pubblico in occasione della finale di Emir Cup 2017, il match che ha inaugurato il primo impianto dove verrà giocata la Coppa del Mondo in Qatar. “In questo Paese il nostro gruppo è conosciuto e apprezzato visto che gestiamo già i sistemi di controllo dei varchi d’ingresso del Jassim Bin Hamad di Doha, dove si è svolta la finale di Supercoppa italiana tra Juventus e Milan dello scorso dicembre - ha spiega Domenico Uggeri, vicepresidente Zucchetti area HR -. Il Khalifa International Stadium è solo l’ultimo di un gruppo di oltre cento impianti sportivi già messi in sicurezza in Italia e nel mondo”. Gilberto Polledri, responsabile divisione Sport&Events di Zucchetti Spa, ha aggiunto: “Al Khalifa International Stadium sono state utilizzate le nuove tecnologie già introdotte con successo allo stadio Jassim Bin Hamad, come i biglietti leggibili su smartphone, i nuovi terminali in grado di leggere qualunque tipo di tessera (prossimità e barcode) e 94 tornelli a tripode per gli accessi, che garantiranno il massimo della sicurezza ai tifosi”. Il sistema esportato con successo in Medio Oriente è analogo a quello utilizzato per l’accesso allo stadio Olimpico di Roma. Quest’ultimo ha consentito al gruppo con sede in Lodi di aggiudicarsi un posto in finale agli “Stadium Business Awards”, i premi annuali volti a riconoscere la leadership, l’innovazione, la capacità progettuale e realizzativa nella gestione degli impianti sportivi a livello globale.

Articoli correlati

Commenti