Corriere dello Sport

Calcio Estero

Vedi Tutte
Calcio Estero

Ecco il nuovo Al Thumama Stadium

Ecco il nuovo Al Thumama Stadium

Svelato il design del sesto stadio che nel 2022 ospiterà i Mondiali in Qatar. Sarà pronto tra 3 anni e ospiterà 40.000 spettatori.

Sullo stesso argomento

 Andrea Ramazzotti

giovedì 24 agosto 2017 14:32

MILANO - Il Supreme Committee for Delivery & Legacy (SC) ha svelato il design dell’Al Thumama Stadium, il sesto impianto che ospiterà i Mondiali del 2022. Disegnato dall’architetto del Qatar, Ibrahim M. Jaidah, capo dell’Arab Engineering Bureau (AEB), si ispira come forma al copricapo “gahfiya”. Hassan Al Thawadi, segretario generale del Supreme Committee, ha spiegato: “Siamo sempre attenti a combinare il passato e il futuro nei design degli stadi. Il “gahfiya” è l’ideale continuazione di questo tema perché rappresenta una miscela tra la nostra cultura e uno sguardo al futuro. Questo progetto mostrerà in mostra il talento che c’è in Qatar e organizzare la Coppa del Mondo ci aiuterà a farlo vedere a tutti. Ibrahim M. Jaidah è un architetto molto conosciuto nel nostro Paese e noi sappiamo che ha un gran talento, una notevole passione e tutti i requisiti per concludere positivamente questo progetto”. L’Al Thumama Stadium sarà costruito sui campo attualmente usati dalla Qatar Football Association ed è situato nei sobborghi a sud di Doha, a 12 chilometri dall’aeroporto Hamad International. Avrà una capienza di 40.000 persone nel 2022, ma in seguito sarà ridotta a 20.000, con i posti in eccedenza che saranno donati alle infrastrutture del Qatar che ne avranno bisogno. I lavori di costruzione sono già iniziati e saranno completati nel 2020. Sono portati avanti in joint-venture da un’azienda del Qatar (Al Jaber Engineering) e da una turca (Tekfen Construction). L’AEB, l’azienda responsabile per il design schematico, è la più antica ditta di architettura e ingegneristica del Qatar e ha disegnato per esempio l’ambasciata dell’Oman in Qatar. Jaidah è convinto che il nuovo stadio sarà un successo: “Il design avrà un cenno del passato, ma strizzerà l’occhio al futuro. Nella cultura del Qatar la forma del “gahfiya” simboleggia il passaggio di un ragazzo dalla gioventù all’essere adulto. Nella mia visione questo stadio simboleggia il passaggio del Qatar da Stato sportivamente giovane a elemento importante nella scena mondiale, pronto a ospitare i Mondiali del 2022”. L’arrivo dei tifosi sarà garantito attraverso bus che partiranno dalla vicina stazione della metro. All’interno dell’impianto ci sarà l’aria condizionata e dopo i Mondiali sarà “arricchito” con un hotel e tutta una serie di impianti sportivi.

Articoli correlati

Commenti