Calcio Estero
0

Olanda: porte aperte dal 1° settembre, ma senza cori

Emergono le misure con le quali il campionato olandese riaprirà gli stadi ai propri tifosi: le norme saranno severe e rigide

Olanda: porte aperte dal 1° settembre, ma senza cori
© EPA

AMSTERDAM (Olanda) - Dal 1° settembre, il pubblico potrebbe essere nuovamente ammesso alle partite di calcio professionistiche in Olanda. Questa è l'indiscrezione anticipata dal "De Telegraaf", secondo il quale il team di gestione delle epidemie ha presentato questa proposta al governo. Questa sarà accettata, a condizione che i club aderiscano a condizioni rigorose. Ad esempio, la misura del distanziamento sociale di 1,5 metri dovrà essere mantenuta nello stadio, ma anche all'ingresso e all'uscita dall'impianto. Inoltre, i cori dei tifosi non saranno consentiti a causa del rischio di contaminazione di coronavirus.

Olanda, riaprono gli stadi con divieto di cori

Oggi il gabinetto deciderà ufficialmente se accettare i consigli e riaprire gli stadi a partire da 1° settembre. A partire da quella data la maggior parte dei club Eredivisie ed Eerste Divisie potranno riempire circa un terzo della capacità dello stadio con i loro tifosi. La ripresa agonistica tuttavia è prevista per l'11 settembre. Di conseguenza le prime partite con il pubblico nei Paesi Bassi potrebbero avvenire in concomitanza con gli eventi della nazionale, visto che il 4 e 7 settembre gli Orange giocheranno contro la Polonia e l'Italia per la Nations League.

Nations League, l'Italia sorride: è con Bosnia,Olandia e Polonia

Tutte le notizie di Calcio Estero

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti