Coppa del Re, sconfitte indolori per Real Madrid e Siviglia. Atletico fuori.
© AP
Liga
0

Coppa del Re, sconfitte indolori per Real Madrid e Siviglia. Atletico fuori.

Serata tutt'altro che esaltante per blancos e andalusi, che perdono per 1-0 contro Leganes e Athletic Bilbao, ma centrano comunque la qualificazione ai quarti in virtù dei rassicuranti successi dell'andata. Eliminati i colchoneros, bloccati sul 3-3 dalla bestia nera Girona.

LEGANES (SPAGNA) - Sconfitta indolore per il Real Madrid, che perde per 1-0 al Butarque di Leganes, ma centra comunque la qualificazione ai quarti di Coppa del Re in virtù del vittorioso 3-0 del Santiago Bernabeu della scorsa settimana. Le riapparizioni dal primo minuto di Marcelo e Isco, alla 3ª da titolare nelle 18 gare del nuovo corso Santiago Solari, non bastano alle raffazzonate merengues per evitare la quarta sconfitta con l’erede di Lopetegui. Privo dei vari Marcos Llorente, Kroos, Bale e Benzema, il Real si deve arrendere alla rete del nuovo acquisto invernale Braithwaite, che va a segno attorno alla mezz’ora del primo tempo, al termine di un’azione insistita. A una manciata di minuti dal termine, i blancos si vedono negare dal palo il possibile pareggio di Brahim Diaz. Chiusura in sofferenza, ma tanto basta per andare avanti.

TUTTO SULLA LIGA

TABÙ COLCHONERO - La sorpresa della serata si materializza al Wanda Metropolitano, dove la cenerentola Girona fa fuori l’Atletico Madrid grazie a un pirotecnico 3-3. Un vero e proprio tabù la squadra catalana per Simeone, che nell’occasione mette insieme il quinto pareggio in altrettanti incontri con i rivali di serata. Si riparte dall’1-1 di Montilivi e i colchoneros paiono mettere subito in discesa la gara, con un repentino gol dell’ex Milan e Fiorentina Kalinic, servito da un chilometrico lancio dell’applauditissimo Godin. Verso lo scadere della frazione, però, Valery, con una splendida rasoiata riacciuffa il pari. Il sorpasso degli ospiti arriva al quarto d’ora della ripresa con l’oggetto dei desideri del Barça, Stuani. Il Cholo non ci sta e si gioca la carta Griezmann, che prima regala l’assist del 2-2 ad Angel Correa e poi sigla l’illusorio vantaggio da posizione impossibile. Negli ultimi scampoli, però, ecco la zampata dell’ex meteora romanista Seydou Doumbia, che regala il passaggio ai quarti ai ragazzi di Eusebio Sacristan.

SCONFITTA INNOCUA - Qualificazione che centra anche il Siviglia, che perde la seconda delle tre sfide ravvicinate con l’Athletic Bilbao, ma passa in virtù del 3-1 corsaro del San Mames della scorsa settimana. Al Sanchez Pizjuan, a tre giorni dal 2-0 per i baschi di campionato, decide un imperioso stacco aereo di Gorka Guzueta. Nonostante la sconfitta il tecnico locale, Pablo Machin, può sorridere oltre che per il passaggio di turno, anche per la prova positiva del nuovo acquisto Munir, schierato in coppia con Ben Yedder, e per gli incoraggianti venti minuti finali giocati dal diciassettenne Bryan Gil, talento emergente della cantera andalusa. Ne sentiremo parlare.

@andydepauli

Vedi tutte le news di Liga

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti