Barcellona, Rakitic si sfoga: "Sono triste, mi hanno tolto il pallone"
© EPA
Liga
0

Barcellona, Rakitic si sfoga: "Sono triste, mi hanno tolto il pallone"

Il centrocampista croato ha parlato della sua attuale situazione nel club blaugrana e del rapporto con Valverde: "Mi voglio divertire, ho 31 anni non 38"

BARCELLONA (Spagna) - "Mi hanno tolto il pallone, sono triste". Non poteva utilizzare un'immagine migliore Ivan Rakitic per spiegare il proprio stato d'animo. Messo da parte da Ernesto Valverde, il centrocampista del Barcellona sta vivendo un momento complicato all'interno del club blaugrana. Una separazione al termine della stagione appare scontata, anche considerando il contratto in scadenza. L'ipotesi rinnovo è più remota che mai e in queste settimane si è parlato molto di mercato, anche nella finestra di gennaio. Oltre alle voci sul PSG, hanno preso quota le voci di un possibile trasferimento in Italia. Sulle sue tracce si erano messe le big del campionato, a cominciare da Inter e Juventus. Ultimo, ma solo in ordine di tempo, anche il Milan di Elliott.

Rakitic è triste

In un'intervista rilasciata al programma "Universo Valdano", il calciatore della nazionale croata ha parlato apertamente dei propri sentimenti: "Rispetto le decisioni del tecnico - ha detto Rakitic - di qualunque squadra. Io in questi anni ho dato molto al Barcellona e voglio andare avanti a divertirmi: ho 31 anni, non 38. Mi sento nel pieno della forma. Mia figlia quando le tolgono un giocattolo diventa triste. Al momento io mi sento nello stesso modo: Mi hanno tolto il pallone e sono triste".

Lenglet su Griezmann: "Il Barça non è l'Atletico"

Tutte le notizie di Liga

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti