Real Madrid, solo un pareggio nelle prove generali di Champions

I blancos, con un undici molto vicino a quello che verrà schierato tra una settimana contro il Liverpool, chiudo la Liga con un placido 0-0 con il Betis. Emozione per Marcelo, che si congeda dal Santiago Bernabeu dopo 16 stagioni di trionfi
Real Madrid, solo un pareggio nelle prove generali di Champions© Getty Images
4 min
Andrea De Pauli

MADRID (SPAGNA) - Prove generali di Champiosn League per il Real Madrid, che all’ultimo appuntamento prima della finalissima con il Liverpool del prossimo 28 maggio, si congeda dal Santiago Bernabeu con uno 0-0 con il Betis all’insegna del non facciamoci del male. Gara caratterizzata da poche occasioni, concentrate soprattutto nel finale, e dalle scelte di Ancelotti, che parte con l’undici di gala, per poi inserire i cambi che, con ogni probabilità, saranno chiamati in causa anche a Parigi, tra un settimana. Al fischio finale, commozione per capitan Marcelo, che dopo 16 stagioni, si congeda dalla cattedrale blanca.

Real Madrid-Betis 0-0

Prove di Champions

Con il 35º scudetto in bacheca già da qualche settimana, Ancelotti, nelle ultime giornate, aveva optato per un comprensibile turn-over. All’ultima partita prima della gara dell’anno con il Liverpool, però, decide di dar vita a una sorta di prova generale della finalissima di Champions della prossima settimana e, a parte il convalescente Alaba, decide di giocarsela con un undici molto simile a quello che, presumibilmente, partirà dal primo minuto, il prossimo 28 maggio, a Saint-Denis. Davanti a Courtois, così, si rivedono Carvajal, Militao e Mendy, con Nacho che sostituisce il difensore austriaco. Sulla mediana, riecco il terzetto di intoccabili, formato da Modric, Casemiro e Kroos. Davanti, con Benzema e Vinicius, il più offensivo Rodrygo vince il ballottaggio con Valverde. L’ex Manuel Pellegrini, risponde col suo 4-2-3-1, con il terzetto tutto talento formato da Canales, Fekir e Juanmi alle spalle del terminale offensivo Willian José.

Mbappé al Real Madrid, manca solo l'annuncio
Guarda il video
Mbappé al Real Madrid, manca solo l'annuncio

Volemose bene

Fin dal pasillo d’onore che le due squadre si tributano reciprocamente prima del dal fischio d’inzio - con il Real omaggiato dai rivali di serata per la conquista della 35ª Liga e gli andalusi applauditi dai colleghi per il recente trionfo in Coppa del Re - s’intuisce che in campo non ci si prepari alla battaglia campale. Ed in effetti ne esce una gara piuttosto placida, senza troppi sussulti e con neppure un’ammonizione, in cui i blancos mirano ad evitare lesioni e a testare meccanismi e condizione. E nella prima frazione le occasioni latitano, con due tentativi di Juanmi e Willian José per i biancoverdi, a cui risponde senza troppa convinzione Modric. Qualcosa di più in una ripresa punteggiata da mille cambi, in cui compaiono, tra gli altri, anche i partenti Isco e Marcelo, con quest’ultimo che si congeda dal Bernabeu dopo 16 stagioni in cui ha conquistato la cifra record - nessuno più di lui - di 24 titoli con la casacca merengue. Sui piedi di Benzema, da un lato, e dell’eterno Joaquin sull’altro, le palle gol più ghiotte. Un punto per uno e, ora, per i blancos testa concentrata sulla settimana che separa Modric e compagni dall’obiettivo 14ª Champions.

CLASSIFICA LIGA

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti