Premier League
0

Raiola: "Pogba resta allo United? Sì, ma vuole lottare per la Champions"

Il manager del calciatore francese esclude un trasferimento in questa sessione di mercato, aprendo però le porte ad altre prospettive in futuro

Raiola:
© AFPS

ROMA - Lo vuole (o almeno lo voleva, secondo gli ultimi rumors in arrivo dalla Spagna) il Real Madrid di Zinedine Zidane, lo sognano la Juve di Maurizio Sarri e molte altre squadre in giro per l'Europa. Il futuro di Paul Pogba, però, almeno per il momento sembra essere sempre colorato del rosso dei Red Devils. Lo ha confermato il suo manager Mino Raiola, che ha parlato del suo assistito ai microfoni di Sky Sports News in Inghilterra: “Paul ha sempre rispettato il Manchester United proprio come il Manchester United ha sempre rispettato Paul. L’unico che può parlare per lo United e per Paul è Solskjaer, lui può farlo sui giornali e in conferenza stampa. Confermo quello che dice lui: Pogba non si muoverà e va bene così, ne siamo felici".

Raiola parla del futuro di Paul Pogba

Quando gli viene chiesto se Pogba resterà allo United anche l'anno prossimo, però, il tono dell'agente cambia radicalmente, aprendo le porte a vari scenari: "Se Paul resterà anche l'anno prossimo? Sì, ma in un club che spero possa lottare per la Premier League e magari per la Champions League. È strano? Sono l'unico che è preoccupato? Il proprietario della società non è preoccupato? Penso che tutti coloro che sono innamorati del Manchester United siano preoccupati. Io lo sono per il mio giocatore, non perché sia un fan. Ho un interesse molto diretto. Finché Paul è nel Manchester United, vuole vincere trofei con questa squadra. Come dice Solskjaer, attualmente nel club ci sono dei 'lavori in corso'. Dice che sta lavorando alla squadra per il prossimo anno. Speriamo che vada bene per lui, perché il mondo ha bisogno del Manchester United al top. Chiaramente oggi non sono dove vorrebbero".

Il rapporto con Solskjaer

A seguire il manager ha anche parlato delle condizioni fisiche di Paul Pogba e del loro rapporto con l'attuale allenatore del Manchester United, Ole Gunnar Solskjaer: "In questo momento Paul è alle prese con un infortunio e l’unica cosa che ci interessa è risolvere al meglio la cosa. Detto questo, se Solskjaer ha delle idee sul mio giocatore e vuol discuterne ha il mio numero. Fino a quel momento io continuerò a parlare con Ed Woodward, ovvero il mio interlocutore nel club. Con Solskjaer non ho mai parlato, quindi non posso dire altro. L’unica cosa che so è che Paul lo rispetta e gli vuole bene per ciò che ha fatto in passato con lui”.

Tutte le notizie di Premier League

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti