Processo Mendy, i dettagli terribili: "Dopo la violenza sembrava morta"

Le parole dell'amica della presunta vittima presente quella sera, quando era sparita per venti minuti insieme al calciatore del Manchester City
Processo Mendy, i dettagli terribili: "Dopo la violenza sembrava morta"© EPA
2 min
TagsMendy

LONDRA (Inghilterra) - Prosegue il processo nei confronti del calciatore del Manchester City, Benjamin Mendy, accusato di otto stupri, un'aggressione sessuale e un tentato stupro tra il 2018 e il 2021. Le testimonianze in aula che sta ascoltando la giuria popolare della Chester Crown Court sono davvero scioccanti. Stavolta è stato il turno di un'amica della giovane vittima raccontare di averla vista subito dopo la presunta violenza: "Sembrava che avesse visto un fantasma. È diventata vuota. Sembrava morta". La testimone ha raccontato di aver trovato la sua amica in queste condizioni mentre scendeva delle scale, 20 minuti dopo essere andata via insieme a Mendy nella villa del Cheshire.

Il racconto della vittima

Come riportato dal 'Daily Mail', le due giovani donne sono tornate a casa la mattina successiva e la vittima ha rivelato all'amica che il calciatore del Manchester City aveva promesso di non toccarla se si fosse spogliata mentre lui guardava. Poi però l'avrebbe costretta a sdraiarsi su un letto e l'ha violentata. L'ufficio del procuratore sostiene che Benjamin Mendy sia un "predatore" che "ha trasformato la ricerca di donne per sesso in un gioco". Il diretto interessato si è sempre dichiarato non colpevole rispetto a tutte e nove le accuse di reati sessuali.


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti