La doppia barriera: il nuovo incredibile schema su punizione
Calcio Femminile
0

La doppia barriera: il nuovo incredibile schema su punizione

L'Italia femminile ha realizzato un gol incredibile contro Malta, utilizzando una mossa che può diventare un modello

Le vie delle signore del calcio italiano sono infinite. Soprattutto sui calci piazzati. Italia-Malta 5-0 oltre a confermare la marcia trionfale delle azzurre verso Euro 2021 (sei vittorie su sei partite e primato nel girone di qualificazione) ci ha consegnato una password inedita nella variegata galassia dei calci di punizione segnando - a favore delle donne - un’accelerazione rispetto ai colleghi maschi. 

La doppia barriera: le foto dello schema

La punizione con cui Valentina Cernoia porta in vantaggio l’Italia è stata studiata a tavolino, con le azzurre che si posizionano in quattro (ma in movimento) davanti alla barriera (stare ferme da regolamento non si può) e in tre dietro la barriera, per poi scattare in avanti e superare la stessa linea dei difensori avversari. Abbiamo così sette giocatrici in movimento mentre un’ottava sta per calciare, e l’effetto visivo è come quando si lanciano le bacchette nel gioco dello Shanghai. Si punta alla sorpresa, a sparigliare le carte in tavola, alla «grande fuga» che crea (dis)ordine nell’ordine prestabilito dal calcio piazzato, in una traslazione a palla inattiva del «casino organizzato» con cui Eugenio Fascetti segnò un certo periodo degli anni ’80. 

Tutti i dettagli sul Corriere dello Sport-Stadio
 

Tutte le notizie di Calcio Femminile

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

In edicola

Prima pagina