Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Inter, Jovetic aspetta il sì. E c'è Perisic

Inter, Jovetic aspetta il sì. E c'è Perisic
© ANSA

Piace l’attaccante del Manchester City. Sondaggio per il croato del Wolsfburg

Sullo stesso argomento

di Andrea Ramazzotti

giovedì 2 luglio 2015 09:18

MILANO - Dopo aver investito forte sul centrocampo, adesso l’Inter è calda sull’attacco. Potrebbe avere da spendere i soldi di Shaqiri (c’è un accordo con lo Stoke City per una cessione allo svizzero a 17 milioni, ma l’ex Bayern non pare orientato ad accettare) e di Obi (2,5 milioni dal Torino, c’è l’accordo). A Mancini servono 2 giocatori, ma solo uno di questi potrà essere extracomunitario visto che un posto è già stato impiegato per Miranda (Murillo ha passaporto spagnolo). Tra Jovetic, Salah e Cuadrado, dunque, solo uno potrà indossare la maglia nerazzurra. Ieri il primo si è portato in vantaggio sulla concorrenza: Ausilio ha parlato a lungo in sede con il suo agente, Fali Ramadani, ma le carte in tavola potrebbero essere cambiate dalla vicenda Salah e l’Inter osserva con occhio vigile. Sempre ieri c’è stato un contatto anche con l’agente di Cuadrado, Alessandro Lucci, ma per caratteristiche tecniche il colombiano sembra quello che convince di meno. L’Inter comunque acquisterà anche un’altra punta: scontato un assalto per Perisic del Wolfsburg, ma attenzione anche a Mertens perché il Napoli, oltre a Juan Jesus, come contropartita valuta Guarin.

CARO JO-JO - Ramadani ha spiegato la situazione del suo assistito ad Ausilio e nelle prossime ore vedrà anche i rappresentanti di Juve e Milan. Il City è orientato a farlo partire in prestito annuale con obbligo di riscatto a 18-20 milioni: si può lavorare sui bonus e dilazionare il pagamento, ma non sarà facile abbassare di molto la cifra, anche se Jovetic ha rotto con Pellegrini. Il Liverpool aveva offerto 16,5 milioni a maggio ed è stato respinto. Capitolo ingaggio: Stevan non scende sotto quota 3,5 milioni. Con lui in squadra Mancini virerebbe sul 4-3-1-2. C’è qualche perplessità sui frequenti infortuni del passato, ma il talento non si discute.

Leggi l'articolo completo sul CorrieredelloSport-Stadio in Edicola

Per Approfondire

Commenti